Capucin

Della grande produzione di scritti di Gian Piero Motti pubblichiamo per ultimo quello che probabilmente è stato il primo articolo da lui pubblicato, il racconto di una salita primaverile alla parete est del Grand Capucin con l’amico Dino Rabbi.

Capucin (GPM 083)
di Gian Piero Motti
(pubblicato su Bollettino della GEAT n. 3-4 del 1967)

«Basta con le staffe!», brontola Dino sbucando da un ennesimo strapiombo; da ore sotto di noi non vediamo che il bianco del ghiacciaio e la fatica comincia a farsi sentire.

Siamo agli ultimi tiri di corda sulla parete est del Grand Capucin. Da circa nove ore non facciamo altro che agganciare e sganciare staffe, non facciamo altro che passare da un chiodo all’altro con arrampicata dura, faticosa e monotona. Il sole da un po’ ci ha lasciati, siamo alla fine di aprile e fa ancora decisamente freddo. Oltre tutto il tempo sta cambiando, il Bianco infatti si va incappucciando di neri nuvoloni per nulla simpatici. Comincia a nevicare.

Sulla via Bonatti-Ghigo alla parete est del Grand Capucin

Avendo già percorso la via l’estate scorsa, per ora non mi preoccupo; ormai solo due lunghezze ci dividono dalla vetta e poi spero di trovare nel canale i cordini per le corde doppie (utopia…).

Una traversata sotto un tetto, l’ultima staffa agganciata all’ultimo chiodo e mi raddrizzo sulla comoda spalla nei pressi della vetta. Ci liberiamo delle staffe, dei cordini e della maggior parte dei moschettoni e finalmente buttiamo qualcosa nello stomaco. Ma è tardi, è sera e bisogna scendere in fretta: il tempo va mettendosi decisamente al brutto.

Sentiamo voci. Devono essere i quattro francesi con cui stamattina abbiamo iniziato l’arrampicata; sono molto bassi, ancora sotto il muro, e, certo, non li invidiamo.

Le nostre mani fanno quasi pena. Evidentemente l’inizio di stagione si fa sentire sulla pelle ancora «cittadina».

La «facile» traversata che dovrebbe condurci in vetta ci obbliga ad una lotta all’ultimo appiglio, tanto è verglassata. Sto scalinando un canalino di ghiaccio lucido quando uno strano ronzio si leva nell’aria. So bene per esperienza cosa significa.

Dino mi raggiunge in pieno temporale; i fulmini cominciano a tenerci la loro compagnia per nulla gradita, nevica abbondantemente e in un attimo tutto è imbiancato, tutto è estremamente scivoloso e ci obbliga alla massima prudenza. A tentoni trovo i chiodi della prima doppia. Non ci si vede quasi, sono le sette di sera del primo giorno di maggio.

Scendo venti metri, ricordo che la seconda doppia inizia sullo spigolo sinistro non molto in basso. Con la pila in bocca mi sposto, mi abbasso, ma non trovo nulla, tutto è ghiacciato e ricoperto dalla neve che continua a cadere. Finalmente mi imbatto in un cordino, mi sistemo sulle staffe dove Dino mi raggiunge. Ora è buio completo.

Con calma, con estrema calma discendiamo quei quaranta metri lungo una parete strapiombante che sembra non finire mai, poi tocchiamo l’intaglio. L’autoassicurazione sulle corde comincia a rendersi veramente utile.

Le corde scorrono male, tiriamo come dannati, la stanchezza sulle braccia si fa sentire e per di più una strana sonnolenza ci rende le palpebre sempre più pesanti.

Il canale è in condizioni deprimenti. Tutto è intasato dal ghiaccio e la neve fresca complica ancor di più la situazione.

Scendo quaranta metri, mi fermo e comincio a cercare un ancoraggio per la doppia successiva. Trovo un aborto di spuntone che cerco di utilizzare liberandolo dal ghiaccio. A tratti mi giunge il battito ritmato degli scarponi di Dino che cerca di scaldarsi i piedi battendoli contro la roccia.

Riparto, i piedi mi scivolano, mi sbilancio e il piccozzino mi sfugge andandosene giù per il canale. Ora siamo veramente a posto.

Ha smesso di nevicare, qualche stella brilla tra le nubi; fa tanto freddo, sui guanti si è formata una spessa crosta di ghiaccio, gli occhiali appannati mi danno molto fastidio. E poi ho sonno, ho tanto sonno.

Sono le undici di sera, Dino mi raggiunge, mi scuote, mi sveglia, mi incita. Penso a tante cose, al caldo, al mio letto; gli parlo del sole, del mare, degli amici che ci aspettano a Courmayeur e che forse dormono tranquilli. Laggiù è primavera.

Ora scende ad attrezzare Dino, io ne ho a sufficienza. Fissiamo un paio di doppie su blocchi cementati dal ghiaccio attorno ai quali abbiamo passato un cordino. Ogni gesto va eseguito con estrema calma e non è permessa la minima disattenzione. Le pile stanno per esaurirsi.

Sentiamo chiamare, gridare, vediamo fasci di luce percorrere la parete nord. Fantastico! I francesi si ritirano lungo la parete nord! La scena ha qualcosa di altamente suggestivo, qualcosa di infernale.

Ancora doppie e poi finalmente giungiamo al canale di neve che ci condurrà al ghiacciaio. E’ l’alba.

Lentamente, assicurandoci, scendiamo il canale; tutto è imbiancato attorno a noi. Sono le sei di mattina, quando lasciamo la crepaccia alle nostre spalle.

Calziamo gli sci e passo dopo passo giungiamo al caldo, al comodo, al meraviglioso rifugio Torino. Bevande calde, tanti amici e poi una veloce discesa a Courmayeur.

Alla «Brenva» ci aspetta una tavola imbandita di ogni ben di Dio. Si ride, si scherza con gli amici.

Mai come oggi mi rendo conto di quanto siano belli i boschi, i fiori, l’azzurro del cielo. Tutto ha un sapore nuovo e particolare. Il Capucin è lontano, appartiene al passato.

Ma se chiudo gli occhi, rivedo il canale, il buio, sento brividi di freddo, ancora mi giungono le grida dei francesi…

No, non mi sto svegliando da un brutto sogno. Incontro un viso sereno, due occhi profondi, un sorriso. Ecco, il brutto sogno è finito.

10
Capucin ultima modifica: 2020-03-30T05:57:28+02:00 da GognaBlog

5 pensieri su “Capucin”

  1. 5
    enri says:

    Ho salito il gran cap a 17 anni, con un compagno di 18, neo patentato…. 
    l’allora gestore del Torino ci guardo’ male quando gli dicemmo la meta del giorno dopo… una soddisfazione enorme. E’ sempre una vetta simbolo, che nostalgia. Bell’articolo!

  2. 4
    Andrea Parmeggiani says:

    A volte invidio chi è in grado e ha la volontà per simili imprese… a volte no, forse come in questo caso… Ma sono comunque, credo, esperienze epiche.
    Bel racconto

  3. 3
    grazia says:

    Bellissimo racconto, mi sono sentita trasportata proprio sulle pareti con i protagonisti.
    E sì, sono belli anche i boschi, i fiori, l’azzurro del cielo, un riparo, cibo caldo, scherzi, risa e sorrisi.

  4. 2
    paolo says:

    Che bei ricordi.
    La prima volta sono sceso anche io dietro, e che brutta discesa era, e ci si portava tutto, poi sono sempre sceso sulle lunghissime doppie davanti, al sole, e tutto il materiale rimaneva alla base…. ma prima c’era molta più neve.

  5. 1
    Umberto Vilfredo says:

    Altro bell’articolo, molto interessante per il contenuto e l’impostazione, da rivista dei tempi d’oro. Ottima idea riproporre articoli con queste caratteristiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.