Cinquantenario: i primi della parete sud

L’articolo Cinquantenario: i primi della parete sud è stato pubblicato nel 1967 sul numero 3 di Vita di Club, notiziario trimestrale del CAI Sezione di Lecco. Siamo grati agli eredi Gandin per la concessione delle foto in b&n. Il CAI di Lecco ha ricordato Giovanni Gandin in un mostra fotografica a lui dedicata nella quinta edizione di Monti Sorgenti, esposta a Lecco in Piazza Garibaldi, nell’anno 2015.

Nel riproporre una lontana descrizione della prima ascensione su uno dei Torrioni della Grignetta, non ci sfugge che non stiamo rievocando una delle strepitose imprese alpinistiche che meritatamente sono state incluse in un ideale albo d’oro, come affascinanti leggende. Ci rendiamo anzi conto che la stessa relazione che ne ha fatto l’alpinista, che ha condotto vittoriosamente la cordata su questa nuova via alla parete sud del Cinquantenario in Grignetta, non susciterà in un primo momento particolari emozioni. Per comprenderne l’effettivo valore non si potrà invece fare a meno di mettersi mentalmente nei panni degli appassionati alpinisti di quel tempo, in cui la presenza delle motivazioni, che li spingeva su pareti di impressionante verticalità, includeva una modestia ed una semplicità che adesso adombrano quasi l’ingenuità.


Cordata di alpinisti impegnati sulla classica via Gandin al caratteristico Torrione del Cinquantenario. Foto: Roby Chiappa.

Per capire a fondo anche l’importanza e il pregio dell’apertura di questa nuova via in Grignetta bisognerebbe riflettere attentamente sulle considerazioni che il protagonista ci offre nella parte terminale del suo articolo. E più importante ancora sarebbe riuscire a penetrare nella personalità e prenderne cognizione dal notevole curriculum di questo ormai dimenticato Giovanni Gandin, che qui viene semplicemente inquadrato in un rapido cenno (Redazione Uomini e Sport).

Cinquantenario: i primi della parete sud
di Giovanni Gandin
(pubblicato su Uomini e Sport n. 29, febbraio 2019)

Lettura: spessore-weight(2), impegno-effort(1), disimpegno-entertainment(2)

La prima montagna di interesse alpinistico della quale ho raggiunto la cima è stata la Grigna Meridionale. Sulla Grignetta ho imparato ad arrampicare, ad amare la montagna, a temprarmi il carattere di alpinista. Nel 1930, dopo un corso tenuto in Valtellina, ho avuto la possibilità di diventare guida alpina. Mi sono formato gradualmente e ponderatamente attraverso difficoltà sempre più elevate, finché accostandomi con puro amore alla montagna, alla mia Grignetta, mi sentii pronto per altre arrampicate di un certo rilievo, che compii nel gruppo del Bianco, del Cervino, nelle Dolomiti e fuori dalla Patria sulle pareti calcaree del Kaisergebirge, nelle Alpi tirolesi settentrionali. E proprio in quei tempi era convinzione di molti che l’alpinismo italiano fosse irrimediabilmente condannato ad una condizione di inferiorità nei confronti dei rocciatori di scuola germanica.

In questa pagina dedicata all’alpinismo lecchese voglio ricordare la mia più memorabile impresa strettamente legata alla Grignetta, e più precisamente alla parete sud del Torrione del Cinquantenario, dopo che precedentemente avevo forzato altre verginità, come lo spigolo nord-est della Punta Giulia, via normale, la parete sud-est del Torrione Magnaghi centrale, della via sul diedro Nord all’Ago Teresita. Vi parlerò della via che poi  aprimmo il 27 giugno dell’anno 1932, al Cinquantenario, perché la giudico una via di elevato interesse che richiede una preparazione atletica e una valida impostazione tecnica anche per poter essere percorsa oggigiorno.

Tutti conoscete il Cinquantenario, che in un primo tempo si chiamava “La Monachella”, a causa della sua forma: il suo nome venne poi trasformato e entrò nell’uso come Cinquantenario, per desiderio dei primi salitori Berto Fanton e Arturo Andreoletti, che vollero festeggiare il cinquantennio della Sezione di Milano del CAI.


Sulla parete Fasana, nel 1934 Gandin è stato in cordata con il conte Aldo Bonacossa. Le calzature di Gandin evidenziano la predilezione per le pedule di manchon, realizzate a quel tempo in laboratorio artigianale, che avevano leggera tomaia in pelle e suola di feltro pressato, tale da aumentare la pressione dei piedi sulla roccia.

Sul versante sud del Cinquantenario posi le mie mire un giorno che con Antonio Polari, mio carissimo amico di Milano, scendevo dalla Capanna Rosalba: quella parete mi piaceva veramente, e poi al Cinquantenario esisteva solo la via normale tracciata sul versante nord il 30 aprile 1911. Questa parete, che si erge superba e maestosa, nel settembre del 1931 mi trovava all’appuntamento con Antonio Polari e Renzo Galbiati. Avevamo già scalato la normale del Costanza e quella del Cinquantenario, quest’ultima per prendere visione da vicino, con oculatezza, delle difficoltà del versante sud: volevamo conoscere l’avversario prima di attaccarlo decisamente. Individuammo un punto d’attacco che si presentava dove una piccola ma ben riconoscibile selletta erbosa si spinge fino sulle rocce della parete, lungo una crepa con ciuffi d’erba. Attacchiamo tenendoci leggermente verso sinistra prima, e spostandoci poi verso destra, sempre però su roccia verticale buona e senza eccessiva difficoltà, fino a raggiungere un inclinato terrazzino posto sotto il primo grande strapiombo della parete: questo effettuato era il primo tiro di corda. Ma è sul tiro successivo che avverto le difficoltà della parete e non è tanto l’esposizione della roccia, ma la mancanza di appigli che mi costringe a chiodare parecchio. Comunque dopo non pochi sforzi arrivo al disotto della prima grande pancia e, dove c’è un piccolo gradino di roccia, faccio fermata. A questo punto sospendiamo però la nostra impresa: è già tardi e non abbiamo con noi materiale a sufficienza. Questo tentativo ci detta l’esatta misura dell’ardita e selvaggia bellezza della via: il nostro scopo comunque era solo di saggiare le difficoltà in previsione dell’attacco decisivo. Ma per quell’anno non se ne fece più nulla: venne presto l’uggioso autunno, con piogge prima e poi la neve. Durante l’inverno ci preparammo in fabbrica dei chiodi in ferro acciaio: erano chiodi corti perché li ritenevo particolarmente adatti per sfruttare le carie che presentava questa roccia.


Gandin in Grignetta, con Alberto I, re dei Belgi, sulla Cresta Segantini nel 1935.

Per l’attacco decisivo partiamo di buon mattino dalla Capanna Rosalba. L’amico Renzo Galbiati, che in quell’inverno, era stato malato e poi aveva ripreso ad arrampicare sempre con Eros Bonaiti, non è più con me: lo rimpiazza l’amico Vittorio Gerli di Milano. Nei primi tre tiri di corda ci alterniamo al comando: poi sarò io a tenere la testa sino alla vetta. Per l’occasione calzavo delle pedule di feltro: sono una novità, gradito regalo dell’amico Polari. Rapidamente arriviamo al limite del precedente assaggio: eccoci quindi alle prese con lo strapiombo. In un baleno la tiepida roccia ci accoglie nel suo duro grembo, e la nostra esuberanza di gioventù trova alleanza soltanto nei chiodi per superare queste difficoltà, che sono fra le maggiori dell’intera salita. Le difficoltà si susseguono, sono sempre sostenute, la roccia presenta appigli piccolissimi, la parete è di una verticalità allucinante, esposta: bisogna chiodare molto. Facciamo fermate di circa 30 metri, anche perché non esistono pianerottoli. Le fermate saranno quasi tutte effettuate su piccole cenge. I sensi ne sono avvinti, e dinanzi a tanta verginità ogni nostro ardimento si fa più timido e composto. Sia pur per brevi istanti, mentre in fermata recupero il secondo, arrivo a pensare che su questa ardita e selvaggia, bizzarra costruzione rocciosa, il profanatore debba venire respinto. Poi riparto fino ad arrivare al secondo grande strapiombo, il punto più difficile dell’ascensione; per arrivare qua sotto ho incontrato verticalità in diminuzione, però con tratti ancora duri e sostenuti da difficoltà non indifferenti. Ma ora devo sormontare l’ostacolo maggiore: ci troviamo a sinistra della pancia, su una piccola cengia in fermata. Arrampico dapprima obliquamente verso sinistra, su parete espostissima ed aerea, con appigli minutissimi, per una ventina di metri, poi per traversino. Completo l’opera di raggirare la pancia piegando decisamente verso destra. Arrivo in fermata su un pianerottolo sopra la gobba. Ritengo che per superare queste difficoltà occorra essere dotati di virtù spirituale, tecnica, coraggio e preparazione, tutte doti che fanno l’alpinista. Ancora due tiri di corda e poi saremo fuori: le difficoltà diminuiscono, però occorre dell’attenzione ancora, perché siamo su roccia friabile e rotta. Ultimo duro ostacolo sono delle rigonfiature che incontriamo successivamente. Avendo prima obliquato leggermente a destra, stiamo uscendo direttamente verso la vetta. Abbiamo compiuto una salita che resterà fra le più belle della Grignetta, sia per difficoltà tecniche, sia per l’assoluta verticalità ed esposizione della roccia e per la continuità delle difficoltà stesse. La via, giudicata di V con passaggi di VI, presenta difficoltà continue, dal secondo tiro di corda fino sopra la gobba. Preciso che durante questa salita feci largo uso di chiodi sia per superare le difficoltà nei tratti più strapiombanti e più lisci, sia per le sicurezze: molti di questi chiodi sono stati lasciati in parete. So che per ripetere la mia via si usano ora le staffe, in parete c’è un passamano, e con piacere so anche che è una delle vie di maggior soddisfazione che si possano compiere in Grignetta. Non sembrino eccessive le difficoltà che ho descritto: è necessario rammentare che in quei tempi si arrampicava con una corda sola, che certe salite, cito la normale del Torrione La Mongolfiera, come l’Ago Teresita, si effettuavano con il lancio di corda, che non si conoscevano le discese a corda doppia e si scendeva alla Piaz o alla marinara.

A quei tempi si era scevri da ogni esaltazione ed esibizionismo, fuori di ogni esasperato spirito competitivo, con serenità e ponderatezza, per puro amore della montagna si affrontavano i pericoli dell’Alpe: la nostra conquista fu allegramente bagnata prima alla Capanna Rosalba e poi giù ai Piani Resinelli dallo “Steven” Alippi.

Giovanni Gandin negli anni Sessanta

Giovanni Gandin
Guida Alpina che per tanti anni, dal 1935 al 1957, è stato anche custode del rifugio Mario Tedeschi in località Pialeral, era nato il 23 novembre del 1904, a Zogno, in Val Brembana, provincia di Bergamo. Peso piuma e piccolo di statura, fu invece un grande caposcuola locale che segnò lo stacco tra l’epoca dei pionieri e quella dei rocciatori. Nel 1929 aveva salito la Punta Giulia, poi l’Ago Teresita, e successivamente nel 1931 la fessura est del Torrione Magnaghi Centrale in Grignetta, nel ’32 la parete Sud della Torre del Cinquantenario e nel 1933 lo spigolo sud-ovest della Piramide Casati. Lo stesso Gandin, tra fine dicembre 1931 e inizio gennaio 1932, è stato protagonista, con i fratelli Amato e Alberto Bich, di un famoso intervento di soccorso e recupero delle salme, verificatosi sulla via Fasana-Bramani, sulla Grigna Settentrionale, in pieno inverno, nel tentativo di salvare gli sfortunati Bruno Cattaneo e Severino Veronelli, che avevano tentato la prima invernale della parete nord-est sul Pizzo della Pieve. Ha contribuito notevolmente all’evoluzione dell’alpinismo nostrano e al suo progredire dalla Grignetta alle importanti conquiste nelle Dolomiti, nelle Alpi Centrali e al Monte Bianco. La morte lo colse all’improvviso il 21 dicembre 1971, e ora il suo corpo è sepolto nel cimitero di Pasturo, in Valsassina, sotto il Grignone.

3
Cinquantenario: i primi della parete sud ultima modifica: 2019-05-14T05:14:26+02:00 da GognaBlog

2 pensieri su “Cinquantenario: i primi della parete sud”

  1. 2
    Pietro Corti says:

    Nel 1929 aveva salito la Punta Giulia…. Meglio: 20 giugno 1926 (dal libro di vetta della Punta Giulia)
    Tutti conoscete il Cinquantenario……il suo nome venne poi trasformato e entrò nell’uso come Cinquantenario, per desiderio dei primi salitori Berto Fanton e Arturo Andreoletti, che vollero festeggiare il cinquantennio della Sezione di Milano del CAI. Perchè cinquantenario del CAI Milano ?? Inoltre, il signore occhialuto in compagnia del Gandini non è il Conte Bonacossa…..

  2. 1
    Paolo Gallese says:

    Storie lievi, di altri tempi, più semplici. I giovani atleti dovrebbero porvi  attenzione, ogni tanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.