Free solo canyoning

Free solo canyoning
di Franco Longo
(già pubblicato su Alpinismo goriziano maggio-agosto 2018)

Lettura: spessore-weight(2), impegno-effort(1), disimpegno-entertainment(2)

L’arrampicata solitaria senza assicurazione, conosciuta anche con il nome free solo, è una forma di arrampicata dove l’arrampicatore rinuncia alle corde e a qualsiasi altra protezione durante la scalata. Nel canyoning la solitaria è vista ancora oggi con distacco e diffidenza, per questo pochi sono i praticanti, tantomeno qualcuno che tenti di comunicare le proprie esperienze. Il termine free solo canyoning non è ancora di uso comune, ma spero che lo diventi presto dopo questo articolo che tenterà di descriverlo. Il free solo canyoning non va confuso con il canyoning in solitaria, dove le corde vengono usate sempre e non si tuffa mai, perché nessuno ha verificato la pozza di ricezione, per limitare al massimo i rischi. Nel free solo canyoning si tuffa il più possibile e sempre a vista, in forre sconosciute, cioè mai discese in precedenza, ciò significa che un errore di valutazione può essere fatale. Gli atleti che praticano questa attività devono avere un’ottima padronanza delle più diverse tecniche e un altissimo grado di concentrazione. Le discese vengono svolte talora anche su percorsi familiari con difficoltà alla propria portata, ma le discese più avvincenti sono quelle possibilmente in aree lontane da casa.

Franco Longo

Agli inizi degli anni Ottanta nasceva il canyoning in Italia, l’obiettivo era percorrere le forre, qualsiasi fosse la maniera di farlo, con i gommoni oppure arrampicando in salita. Una volta capita la giusta filosofia della progressione l’andar per forre si è trasformato in una attività ludica e commerciale. Esaurito, o quasi, il periodo esplorativo, l’approccio è cambiato, ed è cominciata una fase aggregativa: così si sono creati i gruppi che privilegiano tesseramenti, corsi e raduni per fidelizzare i neofiti, relegando il canyoning in solitaria a qualcosa di pericolosissimo, assolutamente da evitare. Qualcuno, però, come il sottoscritto, è sempre stato attratto da una ricerca estetica basata sul gesto atletico.

Nel frattempo sono nate delle attrezzature specifiche per il canyoning e si è cominciato ad allenarsi appositamente per una performance migliore. Il canyoning ad un certo punto è diventato uno sport vero e proprio, anche se ancora non competitivo. Per me l’obiettivo è diventato vivere l’esperienza in se stessa: ho iniziato ad andar per forre per imparare a ridurre le azioni adattando la progressione a ciò che realmente serve in quel momento per superare l’ostacolo nella maniera più semplice possibile, minimizzando l’uso delle attrezzature e delle corde.

Il free solo canyoning altro non è che la massima espressione di questa ricerca, la necessità di una concentrazione totale e di nessun margine di errore.

Il canyoning non è uno sport estremo: a differenza del free solo canyoning, chiunque può praticarlo, ad ogni età, le condizioni sono quelle della sicurezza delle manovre e dei materiali in commercio. Nel free solo canyoning la sfida maggiore è lo spingersi oltre i limiti fisico-tecnici, ogni volta un po’ più in là e questo comporta uno studio di nuovi materiali per agevolare questo tipo di progressione e per aumentare i margini di sicurezza.

La vera differenza tra il free solo canyoning e il canyoning ludico sono i tempi morti. Quando in gruppo usi la corda ti devi fermare, aspettare i compagni, quando vai free solo non hai soste, l’azione non si interrompe mai, non hai momenti fermi e vuoti, sei tu, la forra e la tua azione. Per questo tipo di progressione diventa importante l’allenamento che finora non era mai stato riconosciuto come fase preparatoria e necessaria per la discesa di una forra, e ovviamente i tempi di percorrenza si riducono.

Oggettivamente, visto da fuori, fare free solo canyoning, ovvero tuffare a vista su percorsi sconosciuti, è quanto di più incomprensibile ci possa essere per chi è sempre andato in gruppo, ma con oltre 30 anni di canyoning dietro le spalle, vivere questa esperienza mi dà ancora le emozioni e il fascino della prima forra.

Fare free solo canyoning è qualcosa che senti dentro, che deve maturare nel proprio intimo, è uno sport dove il risultato da raggiungere è solamente per se stessi, è avventura ed esplorazione, soprattutto è concentrazione.

Il segreto della concentrazione consiste nel non registrare i fattori esterni, esserne consapevoli e tenerli fuori orientando le proprie energie in una sola direzione (Geoff Boycott)”.

La concentrazione è la capacità di focalizzare corpo e mente sul momento presente, è l’abilità di fare e immaginare nello stesso momento: questo vuol dire che, mentre si esegue un movimento, lo si vede anche nella propria mente e, mentre si immagina il passaggio immediatamente successivo, lo si sta già realizzando anche concretamente. La sincronia mente-corpo non lascia spazio a pensieri altri dalla performance e rappresenta per questo lo stato di massima concentrazione. Nel momento in cui si vede con gli occhi della mente l’azione da svolgere, infatti, si predispongono i muscoli del proprio corpo e tutto l’organismo all’azione. Focalizzare l’attenzione sul gesto tecnico, dosare le energie adeguate all’azione in corso e allo sforzo, tenere libera la mente da pensieri negativi e distraenti potenzierà la propria capacità di concentrazione permettendo modificazioni reali a livello fisico.

0
Free solo canyoning ultima modifica: 2018-10-26T05:42:40+02:00 da GognaBlog

1 commento su “Free solo canyoning”

  1. 1
    Antonio Arioti says:

    Interessante.

    Bravo Franco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.