Hooking up

Hooking up

Quando il 14 dicembre 2016 su questo stesso GognaBlog salutavo l’uscita di una grande opera, quell’Intelligenza artificiale di Fabio Elli e Diego Pezzoli, che si presentava come un manuale e invece andava ben oltre e si avviava a essere la bibbia dell’arrampicata artificiale, tecnica e storia, mai avrei pensato che tre anni dopo avrei voluto presentarne la naturale evoluzione in inglese, Hooking up, dello stesso Elli assieme a Peter Zabrok (Versante Sud, 2019).

Allora scrivevo:
«Non so quanto tempo abbiano impiegato Fabio Elli e Diego Pezzoli a scrivere Intelligenza artificiale (Versante Sud, 2016), e poi a rivederne tutti i dettagli. Deve essere stato un bel po’ di tempo… Non ho idea di quanta esperienza, di quante giornate siano state necessarie per avere cognizione piena di quanto hanno poi descritto, ma immagino una cifra paurosa.
Intelligenza artificiale non è solo un manuale per poter praticare un tipo di arrampicata, quella artificiale, che oggi è rimasta un po’ in disparte.
Tra i diciassette capitoli che costituiscono quest’opera di 420 pagine, meritoriamente illustrate, quattordici sono dedicati alla tecnica vera e propria, dai sistemi di gradazione alla progressione, dalla vita in parete alla solitaria, dai materiali allo speed climbing.
Assolutamente da non perdere, specie per chi è abbastanza a digiuno in tema, è il capitolo sui sistemi di gradazione. Sì, perché ce ne sono diversi, esattamente come per la libera, a volte un po’ in conflitto tra loro. Leggete come viene descritto l’A5 (e non parliamo dell’A6), vi si drizzeranno i capelli in testa. Personalmente non credo di essere proprio a digiuno di queste cose, ma vi assicuro che sapere come stanno le cose oggi nei minimi particolari atterrisce nel vero senso della parola. Salvo poi considerare che, come sempre, è soprattutto questione di abitudine, di esperienza. Ciò che fa paura non è lo “sconosciuto” ma piuttosto la sottolineatura dello sconosciuto.
A dispetto del vago terrore che c’invade durante la lettura, l’immane materia è esposta con grande chiarezza e dovizia di particolari: gli autori cercano di prendere in considerazione ogni possibile situazione, allo scopo di ottimizzarne la riuscita, la velocità di esecuzione e, soprattutto, la sicurezza.
Gli altri tre capitoli riferiscono di una breve storia dell’arrampicata artificiale, dei siti web di riferimento e della bibliografia».

Ovviamente sottoscrivo anche in quest’occasione queste mie impressioni di allora. Siamo al cospetto di un concentrato di sapere per apprendere il modo migliore per arrampicare sulle Big Wall, dall’arrampicata veloce e leggera al “campeggio” in parete, assieme ai suggerimenti, ai trucchi e alle tecniche più aggiornate.

L’edizione è massicciamente ampliata, ancora più elegante e ricca. Si è passati infatti alle 672 pagine! Molte più foto brillanti di azione, molti più schizzi tecnici e molti più contributi storici (solo per questi ultimi, 124 pagine in totale).

La quantità e l’autorevolezza di questi interventi pongono questo libro su un piano di molto superiore a quello del manuale, anche quello “definitivo”. Qui stiamo parlando dell’intero “scibile” in questo campo, una fotografia perfetta dello stato dell’arte.

Anche perché, e qui si cala l’asso dalla manica, Peter Zabrok è un’autorità in materia (lo chiamano dr. Piton): e soprattutto perché il libro è scritto in inglese. Adesso davvero l’opera ha un respiro cha da troppo tempo l’arrampicata artificiale non aveva, pur meritandolo. Si è rimediato a un’ingiustizia storica di cui sono responsabili le generazioni dell’arrampicata dagli anni ’80 in poi.

Lo sottolinea molto bene nell’introduzione che Jim Bridwell ha avuto il tempo di scrivere, neanche fosse un piccolo testamento spirituale. Egli dice: «l’arrampicata arrivò in America dall’Europa, ma non assieme alla cultura alpinistica: per questa era necessario più tempo. I libri che trovavamo erano quelli delle avventure di uomini di coraggio e di carattere, non quelli tecnici». Questo per sottolineare giustamente che la tecnica di salita delle big wall è nata, cresciuta e si è evoluta sulle grandi pareti americane, non quelle alpine.

Qui abbiamo una presentazione dell’opera, se ne possono sfogliare circa 40 pagine:

Hooking up (The Ultimate Big Wall and Aid Climbing Manual)
Book review by Yann Camus, Avid Climber

I must say first I know Peter Zabrok (Pass the Pitons Pete or PTPP) very well because he talks a lot and writes a lot. And he is a friend!! Fabio Elli I do not know him so much. So in this review I always say PTPP this and PTPP that. And never Fabio… Sorry Fabio! You done an AMAZING JOB on this book!!!! Fuck yea! I am sure you cut a lot of PTPP text to make it reasonable eh?

Go to https://www.versantesud.it/en/shop/hooking-up-3/ for a 44 pages preview WOW!!

YES! 672 pages. And I do not think anything would be irrelevant. Just some very useful content in very much details. With Great pictures and Great stories by Jim Bridwell, Eric Sloan, John Middendorf, Chris McNamara, Andy Kirkpatrick, Mike Libecki, Libby Sauter and David Alfrey and many more!

A future book could be climbing big walls free. Strategies, ethics, ground up, onsight, rehearsed, single push, one day, shoes, skin, partnership, etc. I do not think any is covered in this book but I did not read cover to cover…
I wanted to go through all the pages and write a review to enable you to decide if you want it or not.
I must say first: the book spells Big Walls in TWO WORDS. Big win right here LOL. (I like it anyway) Below is a part by part review of the book. I cannot change myself for anyone, I am an Engineer!!!

Foreword by Jim Bridwell (2 pages)
Nice to see a contribution to this book by a Legend.  

Introduction to the Original Italian Version (4 pages)
Nice to have in the English version: it give the European perspective…

Introduction to the English Version (6 pages)
A 6 pages of introduction on top of the Euro introduction? Big Wall book is a Big Speech book too LOL. This can be expected from PTPP).

1 – A brief history of Aid Climbing (28 pages)
Well documented, good pictures. It will be a great read that is for sure  If you do not want to actually go climbing but you are interested in the mountain and Big Wall culture, you will still enjoy reading this.

2 – Aid Climbing Rating System (17 pages)
I did not know there were so many! Definitely a reference if you want to understand any aid rating system…

3 – Heavy Metal and Tinker Toys (104 pages)
We all love the gear. 104 pages is 11% of the big book. Includes the 4 greatest aid climbing innovations of the last 20 years. Aid ladders: staggered, aligned or russian style?? This is all discussed. Includes the gear photos and the placements for pitons, cams, Nuts. It names the big bros and the Gypsies but lack the proper information on how to place them and judge if they are good. Hooks, heads, rivets and Cam Hooks are well covered especially in my opinion a recommendation I have never seen about cam hooks from Chris McNamara. I have to go test it! Pulleys, ledges, bags, hammers, screamers, cheat sticks, harnesses. All well done in great details! Only I do not find mention of the Cadillac by Misty Mountain: I have never seen / tried it but I know a lot of wall climbers rave about this one!!! Camping, knots, etc. All fine without too much unnecessary!

4 – Leading on Aid (60 pages)
I need to read it all because it seems to cover everything with great details. I am running out of time so I keep short. Includes progression, testing of the different kind of anchor points, pendulums, transitions from aid to free, etc.

5 – The Job of the Follower (38 pages)
Basically how to be efficient, do a good racking job, and most importantly: stay safe!

6 – Championship Pig Wrestling (45 pages)
I will have to read since the 1:1 method has a lot of details to make it great and I rarely do it. The 2:1, not sure it tells you you can use a simple pedal to haul if you have the proper pulleys and cord/sling to do the Chongo ratchet. All these details are missing in my opinion: it can make you hauling much more efficient. I have to make a YouTube video about this!!! The 3:1, not enough details. Do NOT use the “example of a 3:1” image. Do the other shown: the “Spanish Burton”. I have seen climbers being very efficient with it. Just use the same recommendations I have to put in my future YouTube video  . Space haul special PTPP invention: I have to read it because I do not understand!!! Seems promising  Far end hauling: not a big wall book if not there … It is there therefore GREAT! You may need this one day…

7The Nylon Highway (23 pages)
Great details apparently. All the good stuff you want to know to be efficient at going up fixed lines!

8 – Living on the Wall (41 pages)
Taming the cluster and keeping safe… Enjoy the Margaritas LOL… PTPP climbs soooo heavy!!! Also a big one here: save your hands! Save your hand! Ok I think you get it… Buy the book !!!

9 – Descent (22 pages)
Mostly great. I have to read it all and especially the Mike Libecki rappel story that seem spicy.
Ok we all know how to rappel on 2 strands with an ATC and prusik (we should anyway). But how to do it with a Grigri??? The way to tie the rope p.462 is not the most simple. And the picture is not so clear. But it will do it. Come see on BlissClimbing Facebook page for a lighter way to tie it (https://www.facebook.com/BlissClimbing/posts/2778678038869865). Or look at Petzl 3 other options here: https://www.petzl.com/CA/en/Sport/Belaying-and-descending-on-multi-pitch-climbs-on-a-single-rope

Fabio Elli

10 – Alpine Aid Climbing Tips (13 pages)
Many great tips. Also some notes about suffering LOL!

11 – Solo Aid and Big Wall Climbing (59 pages)
What! 9% of the book! That is a lot! OK ok for free climbing: buy my online courses here: https://blissclimbing.com/en/online-courses/. A lot of Yer gonna die here! Very great read!!! The most current about solo tagging. I want to learn this! The continuous loop system is described. But better look at my illustration here “an image is worth 1000 words” https://www.facebook.com/BlissClimbing/posts/2618266428244361 

12 – How to Read a Big Wall Topo (4 pages)
I wish there were more illustrations. May be enough!

13 – How to Learn Stuff (12 pages)
Good read! Put it into practice!!!

14 – Speed Climbing on Big Walls (7 pages)
The pakistani death loop makes for a good laugh! (in my opinion) And definitely not the reference book for that subject (PTPP is one of the slowest climbers) (But he did the NIAD and I did NOT) so…

A – Bitchin’ Places to Climb (26 pages)
Missing Pakistan and other Karakoram climbs big time guys  The rest is there more or less in my opinion. Please comment others missing!!!

B – Dr. Piton Ultimate Big Wall Checklist (5 pages)
Good stuff. But then try to cut some otherwise you may climb the wall at a slow rate like PTPP does.

C – Glossary of Big Wall Terms and Dr. Piton-isms (12 pages)
Cool

D – Big Wall Songs (4 pages)
Cool again!

Peter Zabrok

E – Big Wall and Aid Climbing Websites (3 pages)
If you want to read more

Bibliography (1 pages)
If you want to read more again!!

Acknowledgments (2 pages)
Nothing to say.

+++ Stories (124 pages in total)
Total of 17 stories that will make you want to go outside and to get it!!! Or will chill your bones 

BUY THE FREAKING BOOK IT IS THE BOMB!!!

Please buy it from verticalstore.com . The owner is awesome to the community!

https://www.verticallstore.com/Hooking_Up_-_The_Ultimate_Big_Wall_and_Aid_Climbing_Manual/p4546831_20108242.aspx

Hope you like this review!

Fabio Elli, classe 1980, ingegnere chimico, abita in provincia di Como. Conosce la montagna e l’arrampicata con suo papà nel 1994 e da lì non smette più. Grande appassionato di alpinismo e cascate di ghiaccio, ma anche di bicicletta e fotografia. Sente fin da subito il fascino delle staffe ma inizia a dedicarcisi davvero nel 2010, spesso in solitaria. Ha salito molte delle più belle grand course nel gruppo del Monte Bianco, il Mooses Tooth in Alaska nel 2010 e Lurking Fear al Capitan nel 2015.

Peter Zabrok, nato nel 1959, iniziò come speleologo avvicinandosi all’arrampicata nel 1979. Ingegnere chimico, è un consulente finanziario disoccupato e fannullone che sta cercando di uscire dal pensionamento dall’arrampicata libera e che in realtà ama l’arrampicata su ghiaccio, con sua sorpresa. Ama la pesca nella natura selvaggia e le gite in canoa, suona il trombone jazz e il piano, ed è attivo nell’esplorazione e nel rilevamento del Mammoth Cave System nel Kentucky e anche a Oaxaca, in Messico. È difficile dire dove “vive” Pete, ma si divide principalmente tra Ontario, Quebec e Yosemite.

8
Hooking up ultima modifica: 2020-02-26T05:30:12+01:00 da GognaBlog

4 pensieri su “Hooking up”

  1. 4

    Molti anni fa ho girato un lungo documentario su Jim Bridwell. 4 viaggi di 3 settimane durante due anni mi hanno permesso di conoscere questo incredibile personaggio e molti suoi amici ma soprattutto di filmarlo ( a due metri di distanza) mentre mi spiegava cosa era un A4+ ! Aveva 58 anni  e tre anni dopo, sul Moses Tooth : una vietta di 44 tiri, compi quella che venne classificata come la via più dura al mondo nel 2003! Da allora siamo restati amici e Jim è venuto in Italia a raccontare la sua incredibile carriera in molte conferenze che gli organizzavamo Giovanni Groaz ed io. Ora il documentario sarà nuovamente in edicola come DVD nella serie proposta dalla Gazzetta dello sport: un’occasione ultima di ascoltare e vedere Jim in Yosemite che racconta l’evoluzione dell’arrampicata artificiale e non.

  2. 3
    paolo says:

    Mi piacerebbe sentire cosa pensano di questo libro i forti artificialisti italiani, quelli che sono andati spesso oltre l’ A2.Sono tre o quattro e mi sembra non abbiano partecipato alla stesura e neppure commentato o scritto recensioni.,,, ma hanno tutti dei bei caratterini 🙂 
    Non conoscendo l’artificiale non riesco a valutare il valore tecnico/mentale di questo bel libro e non so se consigliarlo ai giovani.

  3. 2
    Enrico Defilippi says:

    “ho la sensazione di non essere il solo di questa nostra piccola comunità a sentirsi un po’ lontano dalle accese diatribe che ci hanno fortemente coinvolti negli ultimi mesi”…Piena comprensione…forse è giunto il momento di mutuare dall’esperienza in montagna lo spirito di resistenza, pazienza, adattamento, coraggio, tenacia, solidarietà  per affrontare circostanze difficili  come quelle che ci stanno coinvolgendo in questi giorni…

  4. 1
    Roberto Pasini says:

    Ognuno di noi che va in montagna, anche noi alpinisti della domenica, si è posto almeno una volta la domanda classica “che senso ha la conquista dell’inutile?”. Di solito abbiamo trovato una risposta personale abbastanza soddisfacente e la teniamo nel cassetto, pronti ad usarla quando qualcuno ce lo chiede. Questa mattina, in questa Milano ansiosa, sotto tono e preoccupata per il futuro, ho letto l’articolo quotidiano del blog come faccio sempre bevendo il caffè e non so perché mi ha preso una certa inquietudine. Ho sentito il bisogno di aprire il famoso cassetto e mi sono venuti un sacco di dubbi sul senso profondo di dedicarsi a certe attività, un quesito che pensavo di aver risolto tanti anni fa. Forse sarà il clima strano che mi circonda. Spero che tutto questo passi presto e che possa tornare a mettere da parte certe domande e ad interessarmi con piacere di certi argomenti che mi hanno sempre attratto e che in questi giorni mi sembrano così strani e lontani. Scusate se intervengo fuori dal tema specifico dell’artificiale, ma oggi purtroppo lo sento così “artificiale” che ho fatto fatica ad arrivare in fondo, senza sminuire per nulla ovviamente la competenza e l’ammirevole entusiasmo degli autori. Perdonate lo sfogo, veniva dal cuore e ho la sensazione di non essere il solo di questa nostra piccola comunità a sentirsi un po’ lontano dalle accese diatribe che ci hanno fortemente coinvolti negli ultimi mesi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.