La notte degli incappucciati e altre insonni

La notte degli incappucciati e altre insonni
di Marcello Cominetti
(pubblicato su marcellocominetti.blogspot.com, 8 giugno 2020)

Sandro Pansini aveva da poco comprato una Fiat Uno Turbo e tutto ci sembrava più vicino, così decidemmo di trascorrere un fine settimana intenso a Chamonix partendo da Genova. Da qualche anno mi ero trasferito a vivere a Corvara nelle Dolomiti dove facevo la guida alpina, ma nelle mezze stagioni non rinunciavo a rivedere i vecchi amici genovesi di sempre con cui, oltre ad arrampicare, sciare e cantare, mi divertivo come non mi riusciva di farlo con i nuovi che mi ero fatto dove vivevo. Dove vivo tutt’ora ho diversi amici che stimo e con cui vado d’accordo ma quello che mi è sempre mancato con loro è quel senso pesante dell’ironia che invece posso esercitare con i miei ormai vecchi amici del luogo dove sono nato e, in parte, cresciuto.

Les Arcs, anni ’80

Tra di noi non ci sono riguardi. Possiamo essere capaci di maltrattamenti morali reciproci che ad altri possono risultare insopportabili e insostenibili. Posso dire vaffanculo brutto figlio di troia al mio migliore amico certo di non offenderlo perché uso un tono affettuoso che significa che gli voglio bene e lui lo sa. Mentre dove vivo ogni parola ha un solo significato, con i miei vecchi amici possiamo giocare, ancora oggi, ad attribuirgliene di diversi e la cosa ci fa sentire più liberi di manifestarci senza filtri.
Praticare il turpiloquio per curare chi si prende troppo sul serio è attività sana come una nuotata nel mare calmo al mattino presto.

Sandro Pansini, Nord dell’Eiger, 1984

L’equipaggio era composto, oltre che da Sandro e me, da Skeno (al secolo Marco Schenone), Miagia (Marco Muraglia) e Franco Pagliari detto il Tranviere. Cinque paia di sci sul tetto e attrezzatura per fare fronte a ogni terreno dalla falesia all’alta montagna nel bagagliaio. Dentro la Uno in cinque non stavamo affatto scomodi e il bagagliaio conteneva tranquillamente i nostri cinque zaini e tutto il vettovagliamento. L’unica mia preoccupazione erano gli sci sul tetto. La macchina andava talmente forte che avevo paura che si staccassero dal porta-sci e finissero nel parabrezza delle auto che seguivano in autostrada trafiggendo al petto ignare famiglie che manco si rendevano conto del rischio che correvano. Infatti non ho mai portato gli sci sul tetto in autostrada perché questo pensiero mi ha sempre inquietato, ma stavolta non eravamo con la mia auto e quindi mi dovevo adattare.

Da Il granito del Monte Bianco di Michel Piola, Edizioni Melograno

La partenza era stata ovviamente antelucana e avevamo percorso il tunnel del Monte Bianco che fuori era ancora buio. Il viaggio mi sembrava fosse durato pochissimo. Sarà stato per i discorsi ininterrotti, ma sicuramente era anche dovuto alla velocità con cui quella macchina infernale riusciva a farci viaggiare. Parlavamo di donne più che di montagne.
Colazione con fornello per terra nel parcheggio della funivia per l’Aiguille du Midi ancora chiusa e poi in coda tra biglietteria e ingresso in cabina, schiacciati tra gli sciatori. Anche noi eravamo sciatori, a parte Skeno che aveva messo gli sci solo qualche ora nella sua vita, ma tali non ci sentivamo perché nei nostri zaini c’era l’attrezzatura per scalare la Via Super-Dupont, da poco aperta dai soliti noti, Michel Piola e Pierre-Alain Steiner, con la fama d’essere una via molto bella e piuttosto impegnativa.

Merita raccontare una mia precedente campagna scalatoria sull’Aiguille du Midi in compagnia di altri amici genovesi risalente a un paio di anni prima. Costoro erano Luca Biondi detto Blond e Martino Lang.

Luca Biondi e Martino Lang, oggi

Martino era tra di noi il più aggiornato su cosa succedeva sulle Alpi e nelle neonate falesie di tutto il mondo. Sfogliava decine di riviste in ogni lingua e, nonostante non ne conoscesse una, capiva sempre cosa voleva capire e ce lo raccontava condito dalla sua verve dissacratoria e poco convincente, ma tant’è…

Il viaggio da Genova l’avevamo iniziato in treno e proseguito in autobus e autostop da Entrèves. A Chamonix, Martino, che lì si muoveva come un consumato habitué, ci aveva detto di metterci in coda alla funivia mentre lui avrebbe procurato qualcosa da mangiare. Lo vedemmo arrivare con un grande sacchetto di carta pieno di croissant e pain au chocolat e un cartone di lattine di cocacola che secondo lui ci avrebbero assicurato le calorie necessarie per i due giorni da trascorrere ai 3800 m della stazione della funivia, un alloggio a scrocco in un tunnel segreto che gli aveva svelato Gian Carlo Grassi, con cui ogni tanto andava in montagna. L’obiettivo era ripetere subito dopo Marco Pedrini e Marco Ballerini la via, sempre di Piola e Steiner, Monsieur de Mesmaeker, la più dura del massiccio e soprattutto la prima a spit, ai tempi una novità che aveva sconvolto l’ambiente alpinistico mondiale. Grazie a Martino noi in qualche modo c’eravamo e avremmo lottato per salirla nel migliore degli stili.

All’uscita della funivia nella calca estiva tra turisti nipponici in camicia e alpinisti di vario genere, tra cui noi in pantaloni di tela bianca a zampa d’elefante, fascia legata intorno ai capelli e felpa in cotone, una guida alpina dalle rughe sapienti, ci aveva detto che la via era mouillé e che ci conveniva farne un’altra. Martino, che era il nostro amico poliglotta, aveva annuito con disinvoltura tale da non farci chiedere cosa avesse voluto dirci, così ci dirigemmo scivolando sul culo alla base della parete, superando decine di alpinisti che ci guardavano male, compresa la guida che, legata al suo cliente, avrebbe sicuramente preferito lasciarsi scivolare come noi anziché restare lentamente incolonnata. Martino per l’occasione aveva indossato l’orecchino di coda di pavone rosa. Sorvolando sulle peripezie tecniche lungo la via, dirò solo che lui voleva salirla da primo ma non aveva fatto i conti con Luca e me che ambivamo alla stessa cosa: dico solo che quel giorno nacquero delle frasi che ancora oggi sono di uso comune nel nostro gergo.
Cito, tra le molte: “dammi corda quando scatto” e “per la libera ci vuole il suo tempo”, espressioni tecnico-filosofiche scaturite istintivamente da situazioni contingenti indimenticabili, come indimenticabile fu la notte che ci aspettava. L’idea era quella di fare un’altra via il giorno seguente ma sottostimammo alcuni dettagli.

Raggiunto il tunnel di uscita della stazione della funivia recuperammo a piccozzate i croissant e le lattine di cocacola che avevamo seppellito nella neve. Ovviamente erano un blocco di ghiaccio, impossibile quindi mangiare e bere.
Uno dei particolari che determinarono la qualità del nostro bivacco fu il fatto che la porta d’ingresso della stazione era solidamente chiusa dall’interno e a nulla valsero il nostro bussare e urlare per farci aprire. Ci accovacciammo nei sacchi piuma distesi sulle corde e gli zaini mettendo dentro con noi anche le lattine e i croissant che non ne volevano sapere di sciogliersi per farsi ingerire, fame e sete non ci mancavano di certo.

Dopo qualche ora passata a fumare (io no perché non fumo) e a insultare i francesi della funivia che non ci avevano aperto, una lattina sembrava essersi riscaldata quel tanto che consentisse di berne il contenuto. Tirata la linguetta, Martino se la ficcò in bocca mentre una schiuma marrone aveva iniziato a zampillare violentemente. Il risultato fu che si gonfiò come un pallone di liquido gelato a stomaco vuoto e si beccò una congestione immediata. Riverso sulla neve colorata dalle pisciate e dalla cocacola diceva che sarebbe morto e ci comunicava così le sue ultime volontà. Vista l’urgenza di un soccorso Luca e il sottoscritto iniziammo a battere violentemente il portello di fredda lamiera che ci teneva chiusi fuori gridando anche AIUTO e fu così che ci aprirono. Martino era in condizioni pietose e ci fecero quindi entrare facendoci accomodare in una stanzetta riscaldata dove ci sembrò di rinascere.
In poco tempo la temperatura aumentò e potemmo mangiare e bere. Martino smise di vomitare bile e si addormentò. La temperatura saliva sempre più e iniziammo a spogliarci. Di stare dentro ai sacchi piuma non se ne parlava. Martino giaceva esanime, chissà se respirava. Mancava l’aria e quella poca che c’era era bollente. I muri scottavano e forse soffrivamo anche di mal di montagna perché la testa ci scoppiava.

Sono sempre stato sensibile all’inquinamento elettromagnetico e lì dentro, secondo me, ce n’era anche troppo. Uscito fuori, l’escursione termica cui fui sottoposto era di almeno 46 gradi centigradi, mi sentivo mancare mentre notavo nel locale adiacente dei trasformatori enormi che ronzavano come calabroni. Infatti sulla cima dell’Aiguille du Midi c’era una gigantesca antenna collegata a mille macchinari che si trovavano proprio dove stavamo anche noi. Del personale della funivia nessuna traccia. Sicuramente avevano una stanza schermata dalle radiazioni che noi stavamo assorbendo alla grande nella notte che ancora ci riservava un bel po’ di ore di insonnia garantita. Pensammo che Martino fosse morto ma in verità pensavamo a salvare noi sopravvissuti al gelo e ai campi magnetici. In qualche modo guadagnammo l’alba e poi finalmente l’ora di riapertura della funivia. Scesi in paese dedicammo la giornata intera a ritornare a Genova in autostop. Abbandonai Luca e Martino che avevano i capelli troppo lunghi per essere caricati su uno dei camion che attraversavano il tunnel. Separati, il viaggio ci fu più rapido. Ci rincontrammo a Finale la settimana seguente.

Ai Grands Montets, anni ’80

Tornando a noi cinque di prima, devo citare che in un autogrill avevamo comprato una specie di plum cake di rara pesantezza (altro che piuma) che ci saremmo portati sulla via per avere calorie con relativamente poco peso. Lo denominammo “il gatto” per via della sua forma.

Presto fummo all’inizio della via che salimmo senza problemi fino a quando Skeno cadde su una cengia piegato in due dal mal di pancia e di testa. Gli demmo da bere e lo costringemmo a mangiare un pezzo del “gatto” per tirarsi su. Non aveva appetito ma io glielo infilavo a forza in bocca mentre Miagia gliela teneva aperta contando sul fatto che non riusciva a opporsi date le sue condizioni fisiche.

Skeno riusciva solo a dire “no, gatto non ne voglio” che noi zac gliene infilavamo in bocca un bel pezzettone. A un certo punto si lamentò di sentire puzza di merda e cercò di vomitare. In effetti poco prima avevo defecato su un terrazzino facendomi il bidet con della neve ma, evidentemente nelle mie dita era rimasto un po’ del noto profumo e con quelle maneggiavo il “gatto” davanti al suo naso, cosa che non lo aiutava a farsi passare la nausea probabilmente dovuta all’altitudine. Abbandonammo Skeno sulla cengia con un pezzo di gatto e dell’acqua, e proseguimmo la via che, tranne un voletto su un micronut di Miagia, si svolse senza problemi divertendoci. Dalla cima ci calammo raggiungendo Skeno che si era ripreso un po’ e scendemmo insieme alla base dove ci aspettavano gli sci.

Come avevo accennato prima Skeno non era molto abile sugli sci e non stava neppure bene, ma dovevamo percorrere la Mer de Glace per raggiungere il fondovalle, quindi lo infilammo negli attacchi e gli dicemmo di seguirci e che la discesa era facile. Dalla forzata posizione a similspazzaneve in cui si mise si capiva che faceva uno sforzo enorme anche da fermo, figuriamoci muovendosi tra i cumuli di neve tritata dagli sciatori e rigelata dal freddo della sera!

Skeno sembrava una statua, tanto i suoi movimenti sciatorii erano assenti ma non cadeva se non di rado, grazie comunque alle sue doti atletiche e a una testa dura più del normale. La discesa si protrasse fino a una cert’ora anche perché la risalita al Montenvers e la seguente discesa ripidissima lungo uno scivolo di valanga ci presero tempo. Era buio quando raggiungemmo il parking della funivia. Ci buttammo in macchina e guidammo fino a un boschetto dove volevamo sistemarci per la notte. Fatti pochi km su una sterrata incontrammo un grosso tronco che la sbarrava. Scesi dalla macchina e lasciando la portiera aperta mi arrampicai sul tronco per scavalcarlo incamminandomi verso quella che sembrava una radura da dove intravvedevo una fioca luce tra gli alberi. Fatte poche decine di metri mi apparve un grande cerchio di persone incappucciate intorno a un fuoco vestite con lunghe tuniche scure. Mi bloccai subito tra lo spavento e l’imbarazzo e quelli si girarono puntando su di me i loro occhi attraverso i cappucci in stile tra rito satanico e Ku Klux Klan. Li vedevo illuminati dal fuoco e non erano sguardi benevoli. Scattai di corsa nella direzione da cui ero pervenuto e mi ritrovai subito sul tronco da dove saltai direttamente attraverso la porta della Fiat Uno urlando VIA, VIA, scappiamo! Il mio salto prevedeva di entrare velocemente in macchina ma diedi una testata fortissima sul montante superiore della porta cadendo per terra stordito. Urlavo a Sandro di scappare mentre mi ero già seduto e avevo chiuso la porta. Lui non se lo fece ripetere e in retromarcia ad almeno 50 km orari sgommando sulla ghiaia perforammo la notte fuggendo all’indietro. Quando gli raccontai degli incappucciati nessuno voleva credermi e comunque andammo a dormire nel parcheggio illuminato di una scuola.

Skeno si sarebbe incontrato con una ragazza il giorno dopo e ci lasciò ma era già arrivato da Courmayeur il suo sostituto: Blanche (Marco Bianchi)! Berrettino alla cuculo, occhiale Vuarnet, microzaino e sci di marca, sembrava uscito da una rivista patinata ma quando ci infilammo nella cabinovia di Argentière e arrivammo sui Grands Montets capì immediatamente che la sua giornata sulla neve non sarebbe stata un aperitivo al Brevént. Oggi si sciava! Facemmo pochi metri sulle piste perché l’obiettivo era starne al di fuori il più possibile. Cercavamo terreno ripido su cui metterci alla prova perché il giorno dopo saremmo saliti su per la parete nord-est de Les Courtes per scenderla con gli sci. Ci sfinimmo di curve e salti e quando gli impianti si spensero ci avvicinammo con le pelli al rifugio d’Argentière. Il Tranviere e Blanche erano preoccupati perché guardandosi intorno vedevano facce che non promettevano nulla di buono e fuori dalle vetrate del rifugio non riuscivano a scorgere dove si sarebbe potuto sciare, ma non dicevano niente al riguardo.

Versante nord-est de Les Courtes 3856 m (Monte Bianco)

Dopo la solita sbobba andammo a dormire in una camerata puzzolente che certamente non contribuimmo a profumare. Verso le due suonò la sveglia. Blanche di soprassalto gridò da sotto una coperta pulciosa: ma che cazzo succede? Dobbiamo alzarci, fu la nostra risposta. Guardato l’orologio ci disse se eravamo scemi e cosa ci passasse per la testa per svegliarci nel cuore della notte! Non gli spiegammo che era normale farlo e lo lasciammo dormire anche per il suo bene. Con inconsapevole leggerezza gli salvammo la vita.

Fuori la neve scricchiolava sotto i ramponi indurita dal freddo notturno e le stelle che facevano brillare gli scudi ghiacciati delle pareti nord ci facevano stare zitti per la solennità di quei momenti che immediatamente ti fanno capire che aver puntato la sveglia così presto non è stata una brutta idea.

Io e Miagia eravamo sicuramente i più eccitati e avanzavamo rapidi verso la parete. Quando superammo la crepaccia terminale vedevamo Sandro e il Tranviere iniziare la salita del conoide che collega questo versante con il piatto ghiacciaio di Argentière. Sapevamo che Sandro era il più esperto, anche perché il Tranviere non aveva mai fatto nulla di simile, e avrebbe preso le decisioni giuste. Infatti fu così che poco dopo aver superato anche loro la terminale decisero di scendere perché il Tranviere tremando come una foglia continuava a chiedere perché avrebbero dovuto salire su per quel pendio ghiacciato da dove lui sicuramente non sarebbe mai sceso sciando. Erano fuori dalla nostra vista e ci raccontarono dopo la piccola tragedia che si era consumata – perché scendere è più complicato che salire – mentre Marco (Miagia è il nome con cui l’abbiamo sempre apostrofato) e il sottoscritto arrivavamo in vetta fin troppo presto. Sì, perché su quel ghiaccio non avrebbe sciato neppure Jean-Marc Boivin. Aspettammo che il sole scaldasse il pendio per regalarci un po’ di neve sciabile, addormentandoci sugli zaini. Dopo non ricordo più quanto tempo decidemmo di iniziare a scendere. Il ghiaccio c’era eccome e fortunatamente i miei sci Omeglass da slalom di 203 cm erano una cannonata, che però non mi evitò una derapata un po’ fuori controllo finché le lamine si poterono aggrappare a una base un po’ più morbida permettendomi di fare la prima curva. Miagia fece lo stesso e da lì in poi la discesa durò un istante.

Non era ancora nato in me quel senso che mi fa preoccupare del compagno che, facendo la guida alpina, si sarebbe in futuro radicato nel mio animo rovinando il mio alpinismo ma sicuramente arricchendo la mia vita. Il prezzo da pagare per garantire un minimo di sicurezza a chi si lega con te è che le tue energie le devi dividere in due ed è molto difficile riuscire a gestire la giusta quantità di energia che devi dedicare all’altro quando lo vedi in difficoltà, quando lo devi incoraggiare o quando non devi dare a vedere che sei preoccupato per non fare preoccupare anche lui segnando l’inizio della fine di quella tensione equilibrata che ti fa stare ancora lì, anche se sei nel posto più inospitale della Terra. Avrei imparato nei decenni a farlo, ma nel frattempo mi ero bruciato molte possibilità personali in alpinismo perché non potevo pensare solo a me stesso. L’alpinismo estremo è praticato da egoisti estremi. L’egoismo può essere una caratteristica positiva quando ti salva la pelle o ti porta dove vuoi. Una guida si deve dividere sempre in due, raddoppiando necessariamente le sue forze interiori e fisiche, per questo motivo alla sera si è stanchi, ma solo quando te lo puoi permettere. Con l’esperienza profonda di me stesso avrei riscoperto le mie possibilità residue, perché comunque gli anni passano, incontrando pochi compagni perfetti per questa verifica. E’ successo raramente, ma quando senti di poter contare sull’altro e l’altro fa lo stesso con te, si verifica quella situazione in cui ci si sente una macchina perfetta per andare avanti ognuno con la sua libertà e la sua dipendenza dall’altro che diventano assurdamente la stessa cosa. Non occorre poter contare sulla forza fisica del tuo compagno, ma ti aiutano inconsciamente a sentirti sereno il suo sguardo, le sue battute e l’avvertire il suo senso di giustizia nei confronti del posto in cui ti trovi con lui. Se tu ricambi questa sensazione senza volerlo, tutto tende alla perfezione senza mai raggiungerla e ci si diverte da morire! Per questo si scalano le montagne.

Sotto il Grand Capucin, 1981

Con un salto della crepaccia terminale ci lasciammo scivolare lungo il ghiacciaio fino al rifugio che era ancora mattina. Ci sembrò facile, le nostre gambe erano buone e la nostra giovane testa abbastanza incosciente da farci fare cose anche molto più impegnative di questa e il bello è, per me, che non ho ancora smesso.

Recuperati gli amici, la neve ormai resa colla dal sole di primavera inoltrata ci scarrozzò a fondovalle dove ci stipammo nella Uno Turbo – non so perché gli stessi bagagli al ritorno sembrano occupare più spazio che all’andata – che fendendo il buio illuminato artificialmente del tunnel sotto al Monte Bianco ci depositò a Courmayeur per un gelato e per lasciare Blanche nella villa dove era ospite.

7
La notte degli incappucciati e altre insonni ultima modifica: 2020-06-26T05:09:00+02:00 da Totem&Tabù

22 pensieri su “La notte degli incappucciati e altre insonni”

  1. 22
    valter guglielmetti says:

    adesso basta, insomma!! Marcello Cominetti DEVE mettersi una volta per tutte di buona lena e scrivere un libro sulla sua vita di alpinista e Guida alpina !!

  2. 21
    Giuliano Bressan says:

    Bellissimo racconto dove assieme alla componente di ironia e leggerezza emerge il “lato” più serio e umano dell’autore.

  3. 20
    massimo ginesi says:

    assai gradevole, mi sono ritrovato in molte cose (anche da ligureapuano) e fra le righe scanzonate trovo una bella profondità.
     

  4. 19
    Enrico Defilippi says:

    Martino Lang lo vidi arrampicare a Finale a Monte Cucco. Era tornato dagli Stati Uniti dove si diceva avesse affinato nuove tecniche. Effettivamente saliva di slancio, prendendo al volo gli appigli, chiacchierando e commentando la via, finche’ in verticale non è  sparito dalla mia vista. Aveva una fidanzata molto bella, che arrampicava con lui, sorella di un amico mio musicista, e lo invidiavo un po’…d’altra parte lui era Martino Lang. Rimasi impressionato dalla tecnica, diversa di quella a  movimenti lenti e misurati alla Edlinger e Co ammirata nei filmati. Il racconto e’ fresco e piacevole, humor e relazioni personali molto liguri…attendo si sveli il mistero degli incappucciati…

  5. 18
    Fabio Bertoncelli says:

    Caro Marcello, quel che hai messo a nudo nel commento 17 ti fa onore. E rivela che, sotto la scorza di rude alpinista, nel tuo petto alberga un cuore di saggio e di poeta.
     
    Prima o poi, magari proprio alla fine della giostra, capiremo che ciò vale tra le cose piú importanti di questo nostro vagabondare senza senso che chiamiamo vita. 
    … … …
    Propongo all’amministratore del blog che, in segno di riconoscimento, il commento cominettiano sia rinumerato: da 17 ad almeno 17.000! 👍👍👍

  6. 17

    Grazie per le belle parole. 
    Ci tengo a dire che, nonostante la leggerezza che può leggersi tra le righe dei miei racconti, nella realtà del mio alpinismo c’è sempre stata una costante ricerca di bellezza condita da profondi sentimenti umani e culturali. I rapporti con le persone e il sentire l’alpinismo come un preciso modello di vita mi hanno creato anche diversi problemi verso chi si prende troppo sul serio, ma mi regalano, a volte a caro prezzo, la gioia di vivere, che alla fine credo sia quello che tutti cerchiamo.
    Chi fossero gli incappucciati sarà svelato in un racconto che devo ancora scrivere.

  7. 16
    Salvatore Bragantini says:

    Il mondo qui narrato da Marcello Cominetti è lontano da quello nel quale sono cresciuto io, e debbo alla frequentazione della montagna la fortuna di averlo incontrato; aiuta a capire e a sviluppare le capacità di adattamento, essenziali per la sopravvivenza.
    Mi unisco alla generale acclamazione per le cominettiane abilità narrative; e all’apprezzamento e alla simpatia per Marco Schenone, incontrato su montagne vicine e lontane, anche con la vivace Sabrina. Spero in nuovi incontri.
    Resta un dubbio acuto: chi erano gli incappucciati?

  8. 15
    Furio Sabatini says:

    Ciao Marcello, è sempre un piacere leggere i tuoi racconti!

  9. 14
    Enri says:

    Erano gli anni del muro di punta vagno…. Martino Lang me lo ricordo proprio mentre andavo al muro… sull’autobus, la larghezza delle sue spalle oscurava il finestrino. Io ero un mocciosetto di 15 anni. I muri dei Cica sono arrivati poco dopo. Per rimanere in tema dell’articolo, tali gesta raccontate non erano del tutto inusuali ai tempi fra i genovesi. Il monte bianco e la guida di Piola erano tutto o quasi all’ora….Io scalavo con il mio socio fisso soprannominato il fornaretto ( a quei tempi ogni scalatore aveva spesso un soprannome come i tanti citati nell’articolo) e fra le prime salite che puntammo per iniziare c’era la classica Rebuffat alla Midi. Solo che non avevamo tempo, lui aveva l’auto solo per un giorno ed io ero minorenne. Allora decidemmo di farla in giornata. Partenza ore 3 da genova, ore 6.30 piazzale funivie della Midi, e poi la via con tanto di primo tiro ghiacciato. Scendemmo in doppia…. le condizioni con cui risalimmo il pendio per tornare alla funivia me le ricordo ancora oggi. Scheno era quello che a fine estate riempiva una pagina intera del libro delle salite dei soci… bei tempi, come dice una via alla Rocca di Corno…

  10. 13
    Alberto Benassi says:

    Il disinteresse totale  di Skeno per lo sci , se non in casi di estrema necessita’ per raggiungere la roccia

    allora su questo ci assomigliamo….ahahahaha

  11. 12
    Roberto Bozzo says:

    Mai scalato con Skeno però quando frequentavo i “cica” a Quarto, mi sembra ci fosse anche lui nel giro, e c’era sempre qualcuno provava ad arrampicare sul muraglione dell’Aurelia, bei tempi!

  12. 11
    Sabrina Gasparini says:

    Quale compagna di vita di Schenone da oltre vent’anni posso confermarvi il suo essere molto  schivo rispetto ai social . Per cui mi concedo  questo breve commento  per  confermare i suoi magnifici e divertenti  ricordi di cui parla Cominetti . Spesso ”  lo Skeno ” mi racconta dell’ironia del loro gruppo, ma sopratutto della passione che li muoveva verso le montagne e di quel modo di stare assieme così umano, pieno di vicende esilaranti e che ricorda con un affetto costante ;una voglia e un modo di scalare oggi lontani.  Perché tutto cambia, come è necessario avvenga . Cosa non è cambiato ? Il disinteresse totale  di Skeno per lo sci , se non in casi di estrema necessita’ per raggiungere la roccia! E il senso dell’amicizia di quei tempi ; a mio parere una bellissima memoria di vita .

  13. 10

    In effetti i chiodi da ghiaccio Warthog (se non sbaglio li produceva anche la Camp tramite la joint venture con la Alpine Low e la Interalp) sono ottimi dappertutto se si esclude il ghiaccio per cui erano stati ideati. Funzionano a meraviglia in certi buchi dolomitici e (per chi vuole) suggerisco la via Compagni di Merenda sulla sud della Tofana di Rozes aperta da Massimo Da Pozzo, in cui il passaggio chiave del secondo tiro è protetto da uno di questi pezzi da museo. A voi le gesta…

  14. 9
    Alberto Benassi says:

    è stato Schenone a suggerirmi l’idea di usare i vecchi chiodi da ghiaccio Wartogh per assicurarsi sulle zolle erbose apuane indurite dal gelo.
    A lui il suggerimento sembra l’avesse dato Calcagno con il quale scalava spesso d’inverno in Apuane.

  15. 8
    Alberto Benassi says:

    Martino Lang l’ho incontrato diverse volte a Finale molti anni fa. Non era difficile riconoscerlo.
     

  16. 7
    Fabio Bertoncelli says:

    Il Martino Lang della fotografia è lo stesso Martino Lang che, baldo giovanotto, vidi in fotografia trentacinque anni fa su una rivista di montagna?
    O magari è suo nonno?  🤣🤣🤣
    … … …
    Scusa, Martino. So che non avrei dovuto, ma mi è scappata…
    P.S. Ti concedo di insultarmi senza pietà per il tramite di Marcello.  😇😇😇

  17. 6
    Paolo Gallese says:

    La Mar de Glace è il mio luogo del cuore. L’ho disceso tre volte e ci ho dormito una volta.
    I racconti di Cominetti sono rinfrescanti, davvero! E non conoscevo Schenone.
    Grazie! 

  18. 5
    Alberto Benassi says:

    Sfido chiunque a scendere la Mar de Glace senza saper sciare e con un pesante zaino sulla schiena come quella volta.

    modestia  a parte… Il sottoscritto l’ha fatto di ritorno dalla Modica-Noury  al Tacul che fu una bazzeccola rispetto alla discesa con gli sci fino a Chamonix.
    Il primo grande volo lo feci per arrivare all’attacco  subito dopo aver messo gli sci una volta scesa la crestina della Midì.

  19. 4

    Nonostante dal racconto possa sembrare che Schenone fosse uno sfigato, in verità si tratta di un Signor alpinista dalla scorza più dura del ferro e dalle capacità notevoli. Modestia inclusa!
    Sfido chiunque a scendere la Mar de Glace senza saper sciare e con un pesante zaino sulla schiena come quella volta.

  20. 3
    Luca Mozzati says:

    Le storie di Cominetti sono sempre bellissime! Hai magari scritto anche un libro?

  21. 2
    Alberto Benassi says:

    la prima volta che ho conosciuto  Marco Schenone , ci siamo incontrati d’inverno all’attacco del Couloir Nord della Roccandagia. L’inizio è un bel muro verticale con difficile arrampicata su misto. Non ricordo chi era il  suo compagno, forse Walter Savio…? Loro lo salino sulla destra e noi invece a sinistra.
    Poi ci siamo ritrovati altre volte.

  22. 1
    Alberto Benassi says:

    ho conosciuto Marco Schenone. Ci siamo trovati diverse volte d’inverno in Apuane. Ci siamo anche incontrati per parlare dell’alpinismo invernale in Apuane di Gianni Calcagno che lui conosceva bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.