MES-2

Pubblichiamo tre articoli scelti in rete sul tema MES. Al lettore l’ardua sentenza per costruirsi o rafforzarsi una propria opinione.

Il secondo è stato scritto da Nicoletta Forcheri, che di se stessa scrive: “Attualmente la principale mia preoccupazione è quella di diffondere informazioni corrette sui sistemi monetari considerati alla base della nostra distorta economia non solo nazionale, ma mondiale, e che sta provocando un disastro ecologico oltre che sanitario ed economico, e di presentare una proposta politica e popolare di riforma monetaria che passi attraverso un rovesciamento del paradigma del debito, seguendo le originali regole della partita doppia, e che faccia della moneta un istituto monetario pubblico, di proprietà dei sovrani cittadini, nel rispetto della democrazia, della sovranità sancita dalla Costituzione e della garanzia dovuta agli umani dalla Carta dei diritti dell’uomo”.

MES: il golpe è servito (MES 2-3)
di Nicoletta Forcheri
(pubblicato su nicolettaforcheri.wordpress.com il 4 dicembre 2019)

A parte che il MES è una Société Anonyme di diritto lussemburghese ai sensi della legge sulle società commerciali del 1915. E che per il suo statuto, pur essendo redatto in francese e inglese, è l’inglese a fare fede, sebbene questa non sia una lingua ufficiale del Lussemburgo. Immaginate di creare una società di diritto italiano ma di scriverne lo statuto in giapponese o in inglese pur riferendovi, per i termini e i concetti di legge, a quelli del codice civile italiano dove non sono né sovrapponibili né semplicemente esistenti nell’altra lingua… Una nebulosa giuridico linguistica.

Ma poi abbiamo una società commerciale privata i cui azionisti noti sono 19 Stati membri dell’eurozona, e che per il resto il MES è coperto dal segreto professionale. Tutti i suoi atti sono segreti e inviolabili. Non solo, ma le sue importazioni sono esenti da dazi. Il suo personale esentasse.

Non basta, perché il suo personale non può mai essere né indagato né citato in giustizia, praticamente immune e impunito per tutte le sue azioni nell’ambito delle sue funzioni, che riguardano essenzialmente operazioni finanziarie speculative e creazione monetaria. Sogno? Mi pizzico, non posso crederci! E noi che per un minibot dovuto ai legittimi creditori dello Stato di massimo 25.000 euro per azienda abbiamo dovuto cambiare ministro delle Finanze, e abbiamo inorridito le cancellerie del mondo intero che ci hanno accusato di volere stampare moneta!!

Senonché, avendo il MES personalità giuridica essa non può mai essere citata né indagata ma vice versa può citare in giudizio chi vuole, quando vuole, come vuole, persone fisiche e morali e per le ragioni che vuole.

Non basta, perché tutti i beni mobili e immobili che detta società anonima compra, in qualsiasi posto si trovino e da chiunque siano detenuti non possono essere né sequestrati né pignorati né espropriati né niente: immunità da qualsiasi forma di giurisdizione. Al di sopra di qualsiasi legge. Si trattasse pure di un’isola, di una città intera, di una montagna, o perché no? di un paese intero, visto che le Costituzioni sono carta straccia per loro e che gli Stati con le loro ridicole sovranità residuali sono da eliminare.

Non c’è mai fine al peggio perché secondo lo Statuto pubblicato sul sito del MES relativo al fondo, la clausola 16 prevede che non esiste nessun caso di conflitto di interessi neanche quando uno, o più amministratori, del MES avesse un interesse o una carica di amministratore, socio, funzionario o impiegato in altra società controparte con cui il MES stipuli contratti o effettui transazioni, conduca affari, e che tale situazione di conflitto di interessi NON vieterà agli amministratori e ai funzionari in conflitto di interessi di votare, prendere parte alle decisioni e di agire per conto del MES negli affari, contratti o atti stipulati con l’altra società in cui hanno interessi.

Si delinea chiaramente, per chi sapesse leggerlo, il progetto di cambio di paradigma, non quello auspicato di moneta-cassa, proprietà del popolo all’atto della creazione e del portatore, ma nel suo diretto opposto. Il tutto con raggiro e inganno: una sedicente organizzazione internazionale con l’adesione di 19 Stati dell’eurozona, per istituire la quale è stato firmato un Trattato intergovernativo cioè neanche europeo ma internazionale, non inserito nel corpus dei Trattati UE, a febbraio del 2012 a Bruxelles e in virtù del quale sono state sottoscritte le azioni di una società commerciale privata, fondo chiuso di investimento di diritto lussemburghese costituito davanti a notaio due anni prima.

Tralasciamo il fatto, non indifferente, che nell’azionariato del MES, i due paesi forti Germania e Francia, l’asse di Aquisgrana, formano una maggioranza del 47% a cui non sarebbe possibile opporre nessun veto da parte degli altri paesi, ad esempio Italia, Spagna, Grecia (30%) ma neanche con tutti gli altri Stati membri messi insieme, poiché l’idea che Olanda, Belgio e Austria si possano mai mettere con i PIIGS è del tutto utopistica.

Tralasciamo quindi e focalizziamo sul fatto che per rendere “compatibile” un Trattato internazionale firmato a febbraio del 2012 tra gli Stati dell’eurozona relativo alla costituzione di una una società commerciale costituita con atto notarile nel 2010 a Lussemburgo, il Consiglio europeo del 25 marzo 2011 ha effettuato un vero e proprio golpe in piena regola, aggiungendo una semplice frase all’articolo 136 TFUE, e mutando il Trattato con semplice procedura normativa UE.

La frase aggiunta parla della possibilità di istituire un meccanismo di stabilità la cui concessione di assistenza finanziaria sarà soggetta a rigorosa condizionalità, e sto parlando del MES attuale. La riforma è peggiorativa, come sappiamo.

E il cambiamento dei Trattati è stato fatto con semplice procedura decisionale, non come sarebbe stato necessario per cambiare i trattati nel caso di accordare più poteri all’UE, con una conferenza intergovernativa, ed eventuale referendum. Non sia mai!

Ed è vero che una causa inoltrata da un deputato irlandese alla Corte europea di giustizia ha dato ragione all’UE com’era prevedebile perchè si tratta di Corte non imparziale (Violazione dei Trattati UE per istituire il MES), ma è altrettanto vero che il diavolo fa le pentole ma non i coperchi. E di pentole scoperchiate ne ha lasciate fin troppe. E proprio sul numero di scoperchi che si deve giocare la partita.

Ad esempio, quale è il nesso tra un “meccanismo di stabilità” e la creazione di una “société anonyme” di diritto lussemburghese? Nessuno. Un meccanismo è un meccanismo, e niente nei Trattati UE, neppure la frase aggiunta con semplice decisione del Consiglio europeo, potrebbe giustificare l’esistenza di e la sottoscrizione a una società per azioni da parte degli Stati dell’eurozona se non fosse che essi hanno firmato un trattato intergovernativo, in cui si confonde sofisticamente “meccanismo” e “fondo”, il 2 febbraio 2012 a Bruxelles. E ricordo che noi lo abbiamo fatto in pieno golpe Monti. 

Non è finita qua, perché il MES, il cui scopo sociale è quello di “prestare assistenza finanziaria a quegli Stati membri dell’eurozona in difficoltà che avranno firmato un Memorandum”, per “aiutare” gli Stati membri “in difficoltà” “può raccogliere fondi emettendo strumenti finanziari o stipulare accordi con gli azionisti [Stati membri] e parti terze” facendosi garantire le obbligazioni dagli Stati membri azionisti: è quindi un nuovo fondo privato che garantito da noi, può stampare moneta illimitatamente, perché tra le note e le obbligazioni che può emettere, da noi garantite, le può creare AL PORTATORE, e a vantaggio dei soliti IGnoti.

Insomma gli Stati membri hanno aderito, a insaputa dei popoli, a un fondo privato che finanziano per garantirgli la stampa moneta illimitata a nostre spese e con i nostri pegni!

Statuto del Fondo ESFM poi diventato ESM

Una nota al portatore, ricordo sommessamente, che è così che fu creata la banconota della Banca d’Inghilterra del 1694 quando fu permesso a un fondo privato di creare e prestare le sue banconote, garantite dal governo.

Ripeto: qua ci troviamo nell’estremizzazione del paradigma in cui il pubblico garantisce i debiti al portatore – cioè MONETA – di un emettitore che se li gioca a vantaggio di una borsa privata (sotto): Stato, emittente e borsa, la triade della Bank of England dell’epoca ma anche la stessa della creazione del FMI.

Il mercato chiuso e privilegiato del MES, tratto dal sito ufficiale

Ma non è tutto: dal capitale sociale attualmente di 700 miliardi di euro, in parte versati in parte promessi dagli Stati aderenti, cioè da noi, il consiglio di amministrazione del MES, vero dominus del giochetto (il consiglio dei governatori, l’organo politico, non conta niente se non come complice), può già da adesso aumentare a dismisura il capitale richiedendo agli Stati membri di pagare sull’unghia entro sette giorni il capitale mancante per l’aumento di capitale. La vendita delle azioni agli Stati può effettuarsi in cambio di fondi, in natura, con riserve o in qualsiasi altro scambio deciso dal cda.

Dallo statuto della società anonima ESFM

Con le modifiche sappiamo che si introduce la possibilità della ristrutturazione del debito ex ante, come condizione sine qua non per ricevere l’assistenza, secondo il pernicioso principio della prudenzialità, cioè che piove solo sul bagnato, sancito in tutti i commi e in tutte le clausole dei Trattati UE: un principio bancario assicurativo per il quale il banco vince sempre. (Cfr. Forcheri, Il diavolo è nei dettagli).

Il MES equivale come evento non solo alla nascita della creazione della Banca di Inghilterra nel 1694 quando un fondo chiuso, società privata, poté emettere banconote da prestare e o cedere a una borsa chiusa e privilegiata dei mercanti avventurieri delle Compagnie delle Indie, avvalendosi della garanzia del governo inglese.

Ma tramite l’adesione a un trattato internazionale non europeo e collegato in modo truffaldino dall’ampliamento di un articolo dei Trattati FUE assomiglia tremendamente alla creazione della Banca d’Italia, privata, per consolidare il debito del Piemonte indebitato con i Rotschilds, grazie al furto dell’oro del sud Italia nello scambio banconote contro oro (crf. Forcheri, Dall’Unità di Italia all’Unione europea ).

E la creazione del MES è anche simile al meccanismo, mutatis mutandis, della creazione del franco CFA con l’obbligo di porre a riserva presso il Tesoro francese le valute estere dei paesi “aderenti” – le colonie africane – con la santificazione del principio di cui sopra, prima paghi e poi forse riprendi in prestito i tuoi soldi, o tutt’al più trasformi i CFA in debiti esosi e riforme mortifere del FMI i cui danni provocati agli Stati “assistiti” sono oramai arcinoti anche a pietre e a bambini. (Forcheri, Tutte le eccezioni della Francia, I segreti dei conti francesi, Convegno sul franco CFA ).

E come non vedere un parallelismo di metodo tra la possibilità del MES di richiedere entro sette giorni agli azionisti i fondi per l’aumento di capitali, deciso in totale impunità, o l’imposta ristrutturazione del debito, con la “clausola di rastrellamento” che la Francia può imporre agli stessi paesi della Françafrique, in virtù della quale le BC devono raccogliere presso tutti gli enti pubblici e PRIVATI delle colonie, gli ori e la valuta estera perché il Trésor francese possa continuare a godere della disponibilità di tali riserve in cambio delle banconote da essa stampate per le 3 banche centrali africane?

E a me fa anche pensare agli ordini di rientro repentini dai fidi che le banche in Italia hanno inoltrato nelgi ultimi anni ad aziende in difficoltà di liquidità mandandole al fallimento.

E come non pensare all’enorme bail in che ci potrebbe essere richiesto a tutto il paese, sempre sulla base di decisioni segrete – ricordo che la decisione della BCE per definire in difficoltà le 4 banche Etruria ecc, così come la decisione di commissariamento della Carige del 2 gennaio scorso non sono state diffuse nel pubblico (vedi Forcheri, Italia come Grecia, la BCE può tenere segrete decisioni fondamentali per paesi interi ) – per assicurare che flussi di cassa, obbligazioni e pegni vadano a garantire l’arricchimento degli azionisti nascosti delle banche di Stati altrui, che fanno parte del mercato chiuso di cui sopra ?

E come non pensare che quando dicono che il nostro debito è solido è perché la “finanza” conta sui 4.300 miliardi di risparmi degli italiani, i 10.000 miliardi di patrimonio immobiliare e il valore inestimabile del patrimonio artistico e culturale del nostro paese (marchi e brevetti quelli sono già andati)?

Per questo la riforma del MES non solo va rifiutata in blocco ma è il MES in toto che va rescisso come Trattato, con una campagna politica e di informazione che va fatta con determinazione anche e soprattutto in Europa, e qualcosa mi fa pensare che una delle ragioni della Brexit risieda proprio in questa piega mortale assunta dall’UE, il MES e Aquisgrana, a meno che dietro al MES non ci sia proprio la manina invisibile degli Invisible della City di Londra.

Nicoletta Forcheri
0
MES-2 ultima modifica: 2019-12-12T04:27:00+01:00 da Totem&Tabù

16 pensieri su “MES-2”

  1. 16
    Salvatore Bragantini says:

    Fabio Bertoncelli, ti leggo solo ora appena dopo aver scritto il commento di qualche minuto fa. Leggi anche tu l’ultimo post sul MES e vedrai che Govi ha ragione. La Germania è il nuovo uomo nero, colpevole di tutto…
    Il MES potrà essere usato da stati che han difficoltà di accesso al mercato, e ha naturalmente delle condizioni. Questo agitarsi nostrano è solo legato a ragioni di politichetta interna. Il negoziato è stato già fatto e tutto sommato bene. Il bello è che a lamentarsi sono Salvini e Di Maio; dove erano quando il MES veniva negoziato? Al governo e ora ululano come se loro non c’entrassero nulla.
    In casi simili i Paesi seri negoziano riservatamente, cosa che al momento stiamo facendo anche noi. Per fortuna lontano dagli occhi dei due sullodati, sono questi temi che i due non riescono a mettere a fuoco. Non cape in quelle / anguste fronti ugual concetto”. (Giacomo da Recanati)

  2. 15
    Giacomo Govi says:

    Caro Fabio, io posso dirti come vedo io le cose ma quali sono nello specifico le tue critiche sulla gestione della crisi greca? Cosa vuoi dire con “i miliardi italiani”?

  3. 14
    Salvatore Bragantini says:

    Govi, parole sante. Leggi anche l’ultimo sul MES e troverai conferma a quanto dici.

  4. 13
    Fabio Bertoncelli says:

    Giacomo, raccontami della Grecia, delle banche tedesche e dei miliardi italiani. In dettaglio. 

  5. 12
    Giacomo Govi says:

    Bertoncelli, l’antieuropeismo unisce sponde opposte sotto l’ombrello sovranista, non so se sia il vostro caso ma vedi ad esempio Salvini e Fusaro… quindi non c’e’ da stupirsi.
    Sulle relazioni europee una tendenza molto diffusa e’ di rinunciare alle prove dei fatti ed abbandonarsi a sentimenti auto-assolventi. Il MES viene visto come un accrocchio in piu’, per di piu’ oscuro e poco comprensibile, di un’Europa sostanzialmente ‘esterna’, che ci sovrasta e ci sfrutta, a vantaggio dei burocrati, della Germania, delle banche e via dicendo. 
    Invece una volta chiariti i peraltro numerosi aspetti tecnici, sul MES ci dovrebbe essere ben poco da discutere. Non vuole assolutamente essere la panacea a tutti i problemi economici.  Il suo scopo e’ aiutare i paesi in difficolta’ nel contesto dell’euro, tenendo conto che i paesi euro non possono adottare politiche monetarie proprie.   Aiutare vuol dire concedere dei prestiti, non regalare soldi a chicchessia. Quale dovrebbe essere la “cosa buona e giusta” in tale  contesto? E’un compito gravato da un grande difficolta’ “politica”, dovendo coniugare interessi, situazioni economiche e culture diversissime. Deve proteggere paesi con debito sovrano monstre come l’Italia, e allo stesso tempo convincere il contribuente tedesco o austriaco che i propri soldi non andranno a pagare la pensione di un cinquantenne nella medesima Italia o in Grecia.  Significa anche avvisare che il prestito non sara’ concesso senza garanzie, altrimenti non ci sarebbe nessun incentivo a non sbroccare. 
    In sostanza, ben vengano le critiche ma siano concrete e puntuali, e corredate da proposte. Altrimenti si ricade nell’eterna condanna Italiana, discutere di politica come sul calcio, e intanto i problemi stanno li’ insoluti.

  6. 11
    Fabio Bertoncelli says:

    Nel mio commento precedente avevo sottolineato la parola anzi.
    Il programma però – chissà perché? – elimina la sottolineatura.

  7. 10
    Fabio Bertoncelli says:

    «[…] questo non significa affermare che il MES sia cosa buona e giusta, la soluzione ai problemi economici e la panacea di tutti i mali… Anzi.»
     
    È incredibile: io e Matteo siamo d’accordo! Non c’è piú religione… Non esistono piú ideologie, ma temi concreti su cui decidere di volta in volta col proprio cervello, a prescindere dalle direttive di partito: è sempre stato il mio sogno.
    O sarà l’effetto del Natale?
    … … …
    A proposito: buon Natale a tutti voi, giovani e vecchi, alti e bassi, grassi come Obelix e magri come acciughe, amministratori di blog (il Capo) e «blogghisti» (si può dire?) sfegatati, alpinisti in attività e alpinisti in disarmo, conquistatori del Cerro Torre e conquistatori del Monte Cimone (2165 metri; Appennino Modenese).
     
    P.S. La sottolineatura è mia.
    Anzi, in italiano, significa che è proprio il contrario!
     

  8. 9
    Matteo says:

    Che la signora addomestichi i fatti mi pare palese e credo che il fine lo sia altrettanto, ma questo non significa affermare che il MES sia cosa buona e giusta, la soluzione ai problemi economici e la panacea per tutti i mali…
    anzi

  9. 8
    Roberto Pasini says:

    Indicare un capro come portatore di tutti i mali e focalizzare su di lui l’ostilita’ che nasce da ansie e paure di fronte a problemi complessi, senza badare troppo ai dettagli, è tecnica antica, usata in vari campi, ma funziona sempre,  soprattutto in rete dove si va di fretta e il ragionamento annoia. Cambia di volta in volta solo il capro. Se poi il capro ci mette anche un po’ del suo e il suo pelo ha un po’ di macchie il meccanismo è ancora più facile da applicare.

  10. 7
    Giacomo Govi says:

    Il primo incipit che salta agli occhi e’ già’ stato osservato da Foresti e Bragantini. Si legge:
    le sue importazioni sono esenti da dazi. Il suo personale esentasse.”
    E allora? Del tutto normale e in linea con le altre agenzie internazionali, sia europee che legate all’ONU.
    Non basta, perché il suo personale non può mai essere né indagato né citato in giustizia, praticamente immune e impunito per tutte le sue azioni nell’ambito delle sue funzioni
    Idem come sopra. Il punto chiave, che evidentemente dice poco alla Forcheri, e’ “per tutte le sue azioni nell’ambito delle sue funzioni”. Tranquilla, intascarsi i soldi dei cittadini europei non e’ parte delle loro funzioni. 
    che riguardano essenzialmente operazioni finanziarie speculative e creazione monetaria.
    Tralasciamo lo “speculative” che dovrebbe spiegarci meglio ( ma non lo fa ), sulla creazione di moneta si pizzichi pure perché piglia una bella cantonata, non rientra per nulla nei poteri dell’ESM.
    Si potrebbe andare avanti, ma non ne azzecca una.
    Anche sui poteri dell’azionariato si sbaglia, e dice esattamente il contrario della realtà’, cioè’ e’ molto difficile avere una maggioranza di azionisti contraria all’Italia. 
    Un altro paio di perle:
    E ricordo che noi lo abbiamo fatto in pieno golpe Monti.”  
    la stampa moneta illimitata a nostre spese e con i nostri pegni!” 
    Non e’ neppure questione di opinioni, questo articolo fornisce una chiave di lettura basata su inesattezze e ( sue ) incomprensioni. 

  11. 6
    Salvatore Bragantini says:

    E che dire della affermazione conclusiva?
    Per questo la riforma del MES non solo va rifiutata in blocco ma è il MES in toto che va rescisso come Trattato, con una campagna politica e di informazione che va fatta con determinazione anche e soprattutto in Europa, e qualcosa mi fa pensare che una delle ragioni della Brexit risieda proprio in questa piega mortale assunta dall’UE, il MES e Aquisgrana, a meno che dietro al MES non ci sia proprio la manina invisibile degli Invisible della City di Londra.
    L’autrice deve decidersi, non può evocare alternativamente due spiegazioni contraddittorie. Aggiungo che il Regno Unito non aderisce al Mes, che non è stato originariamente messo nei Trattati, ma è solo un accordo intergovernativo, proprio perché il Regno Unito non l’ha voluto come parte dei Trattai della Ue.
    Meditate gente, meditate

  12. 5
    Salvatore Bragantini says:

    Ho cercato la prova della correttezza dell’informazione per la quale il Mes sarebbe indenne da qualsiasi forma di giurisdizione, e non la ho trovata; dovrei dire che trattasi di informazione errata, o falsa, ma magari l’autrice ha trovato qualche perla a me sfuggita. Ho i miei dubbi.
    Foresti ha ragione, rispondono gli amministratori infatti, ma è certamente errata l’affermazione secondo la quale la società non è penalmente perseguibile. A seguito della legge 231, che recepisce una direttiva europea, anche le società o persone giuridiche sono penalmente perseguibili, anche se non possono poi andare in galera.
    Esiste comunque un tribunale europeo, la Corte Europea di Giustizia, o ECJ, che ha giurisdizione sul Mes.
    Un ultimo punto sul quale l’autrice si sbaglia è quello dei conflitti di interesse; la Forcheri infatti scrive:
    Non c’è mai fine al peggio perché secondo lo Statuto pubblicato sul sito del MES relativo al fondo, la clausola 16 prevede che non esiste nessun caso di conflitto di interessi neanche quando uno, o più amministratori, del MES avesse un interesse o una carica di amministratore, socio, funzionario o impiegato in altra società controparte con cui il MES stipuli contratti o effettui transazioni, conduca affari, e che tale situazione di conflitto di interessi NON vieterà agli amministratori e ai funzionari in conflitto di interessi di votare, prendere parte alle decisioni e di agire per conto del MES negli affari, contratti o atti stipulati con l’altra società in cui hanno interessi.
    Ha capito male lei, nessun amministratore del Mes può votare in conflitto d’interessi; il passo dello Statuto riportato sotto il corsivo dice solo che nessuna delibera del Mes può essere annullata per il fatto che nel Consiglio del Mes siede qualcuno che è in conflitto di interessi; questo qualcuno però, dice chiaramente lo Statuto, non può votare se è in conflitto di interessi. Mi pare emblematico di un approccio al meglio arruffato, al peggio volontariamente confusionario. 
     

  13. 4
    paolo says:

    Per fortuna da anni c’è l’Europa che ci obbliga, altrimenti con i “geni” che ci guidano da sempre saremmo ancor più allo sbando di quello che siamo.
    E adesso crediamo negli interpreti e blogger internazionali: ecco la ciliegina sulla torta.

  14. 3
    Giandomenico Foresti says:

    No, le società e gli enti possono rispondere in sede civile ma non in sede penale. Questo semplicemente perchè non si può mettere in galera una persona giuridica.
    Se poi ci sono società ed enti che godono di immunità particolari è un altro discorso, significa che ci saranno a monte delle leggi che le agevolano.
    Quindi la frase riportata, così com’è stata scritta, non ha senso.

  15. 2
    Alberto Benassi says:

    immunità da qualsiasi forma di giurisdizione.

    forse per questo motivo ?

  16. 1
    Giandomenico Foresti says:

    Senonché, avendo il MES personalità giuridica essa non può mai essere citata né indagata ma vice versa può citare in giudizio chi vuole, quando vuole, come vuole, persone fisiche e morali e per le ragioni che vuole.
    Perchè bisogna scrivere queste cose? In qualunque soggetto avente personalità giuridica a rispondere penalmente sono gli amministratori, cioè persone fisiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.