4 pensieri su “Nuovo Bidecalogo Punto 19. Le manifestazioni”

  1. 4

    Argomento difficile, che sollecita riflessioni articolate. Se è vero che il senso dell’esperienza della montagna sta nella solitudine, nel silenzio, in una avventura solo in minima parte etero-diretta, e anche vero che “semel in anno” può essere positivo ritrovarsi in tanti per condividere le stesse emozioni, anche a livello di una sorta di corale “scampagnata” che utilizza l’ambiente montano come sfondo. Resta fondamentale che di quegli eventi, a cose fatte, non rimangano tracce visibili. E che non vengano usati elicotteri e altri mezzi di trasporto impropri e diseducativi, come gatti delle nevi, quad, moto slitte.. Del tutto positivi i raduni organizzati come forma di protesta contro minacce all’integrità della montagna. La loro efficacia dipende dal numero dei partecipanti. Colgo l’occasione per invitare i lettori a prendere parte alla fiaccolata che Mountain Wilderness organizzerà il 24 aprile per opporsi ai nuovi impianti di risalita in Marmolada.

  2. 3
    Ivan Borroni says:

    Bisogna tenere conto che il CAI è una associazione di massa (oltre 300.000 associati!). Una certa trasversalità di opinioni (non è la LIPU…) mi pare ovvia e l’Associazione deve rappresentarle nel suo complesso. E’ chiaro che il Bidecalogo abbia dovuto mediare (vedi anche posizione sulla caccia) ma credo che, nella situazione data, esso esprima, realisticamente, le posizioni più avanzate possibili.
    Ivan Borroni, da facebook 17 dicembre 2015 ore 9.11

  3. 2
    Claudio Tramontini says:

    Concordo pienamente sulla necessità di valutare PRIMA il carico antropico e le conseguenze di una qualsiasi manifestazione.
    Basti pensare a cosa rimane a terra dopo il passaggio di numerosi sportivi (non tutti amanti della montagna ma spesso più interessati alle performance) ed alla fatica necessaria al ripristino dei luoghi (che spesso alcuni soci CAI se non intere Sezioni fanno).
    E questo, per le manifestazioni che hanno un interesse “culturalmente legato” all’ambiente in cui si svolgono.
    Altro, completamente altro, sono manifestazioni atletiche e/o di massa che non hanno nulla a che spartire con l’ambiente: le varie UltraMarathon, UltraTrail, IronMan, ecc. per le quali, a mio avviso, i limiti di accettabilità in territori fragili dovrebbero essere ancora più stretti.
    Il CAI a volte lo dimentica, anche se alcune Sezioni o gruppi di Soci si sforzano di ricordarlo, e fa ancora poco per esprimere questa posizione agli Enti Locali. Lo statuto CAI lo imporrebbe!

  4. 1
    GIANDO says:

    Il CAI sta’ con un piede in due scarpe, come sempre. Il numero chiuso mi ricorda la partecipazione dell’Italia alle Olimpiadi di Mosca del 1980: sì alla partecipazione ma i militari a casa. Mai una posizione netta, tutto tipicamente italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.