Premio Strega 2017 – 1

Premio Strega 2017 – 1
Ci imbattiamo in un curioso scritto dell’amico Emilio Previtali, datato 27 giugno 2017. Dopo averlo letto con la consueta curiosità che Emilio ci desta, è partita tutta una ricerca che ci ha portato a compilare questi due post sul notissimo Premio Strega.

Spessore 3, Impegno 2, Disimpegno 2

Emilio Previtali

Rompere
di Emilio Previtali
(pubblicato su http://emilioprevitali.blogspot.com/)

Gli scrittori servono a farci vedere delle cose che non vediamo. A farci avvertire dentro, in fondo a noi, delle cose che avevamo smesso di sentire. Servono a risvegliarci dall’anestesia, con le carezze o se serve anche con le sberle. Con i pugni nello stomaco. Con delle parole che fanno spazio al silenzio e alla riflessione. Più che rassicuranti e belli da leggere gli scrittori, più che compiacenti, dovrebbero saper essere qualche volta antipatici e presuntuosi, almeno questo è quello che penso io. “Se in Italia si dice di no, si è polemici. Se si mette in discussione una richiesta grottesca si è rompiscatole“. Se non si è né polemici né rompiscatole, mai, il rischio concreto è quello di diventare paraculi e uno scrittore paraculo, sempre secondo quello che penso io, è uno scrittore che non serve. C’è un confine netto tra lavoro d’autore e pubblicità, tra corporate communication e narrazione e anche tra giornalismo serio e brand storytelling. E’ una linea che si può decidere o meno di scavalcare e ci si può anche giocare a saltarello sopra, se uno lo desidera e ne è consapevole. Ma bisogna essere attrezzati e capaci di gestire la cosa e probabilmente attrezzati meglio di tutti – attrezzati a comprendere – dovrebbero essere i lettori e questo è un lavoro che si fa con la cultura e con la scuola. Se a scuola non ti insegnano la differenza, se qualcuno disinteressato non ti insegna a riconoscere quella linea, è dura. E poi di più ancora, più capaci e consapevoli ancora dovrebbero essere i comunicatori, quelli cioè che il lavoro degli autori e degli scrittori, le loro parole e le idee, le usano per professione per narrare brand e imprese. Per vendere, insomma. Comunicazione e narrazione, giornalismo e narrazione, content creation e reportage forse mai come adesso vivono una relazione ambigua. Pericolosa. Mi pare che siamo al punto in cui anche chi dovrebbe essere attrezzato, capace di comprendere dove è posizionata esattamente questa linea di confine, si capisce che non lo è. A forza di essere disinvolti sul tema non sappiamo più distinguere tra vero e verosimile, tra storytelling e informazione, tra persone e personaggi. Per fortuna che c’è qualche scrittore ogni tanto che oltre a scrivere dei bei libri dice anche delle cose che fanno riflettere, facendo delle cose “da rompiscatole”, non necessariamente convenienti. Non sempre giusto e conveniente coincidono, se sei uno scrittore e sei nella cinquina finalista del Premio Strega ad esempio, e dici una cosa come quella che dice Matteo Nucci, ti metti cioè a dissertare su “defezione” e “non adesione” o su “comunicazione” e “pubblicità”, che è un dettaglio che si mette inevitabilmente in conflitto con i tuoi interessi personali e con quelli della tua casa editrice e con quelli dell’organizzatore del Premio e con quelli di uno dei main sponsor del premio, devi necessariamente essere uno con una bella testa. E anche un rompicoglioni certo, ma mica deve essere facile. Meno male che c’è anche qualche scrittore così, che ha il coraggio di rendersi antipatico di riflettere ad alta voce. In fondo il mestiere dello scrittore è proprio questo, non ha mica a che fare con lo scrivere soltanto. Si tratta di fondare degli universi in cui ogni cosa occupi un proprio posto. Creare dei contesti di pensiero dentro cui gli altri possano ragionare. Poi l’essere d’accordo e allineati o meno, quello è un altro discorso. Il non-allineamento è un lusso che la scrittura e la lettura possono concedersi. Il marketing, no.

Il post termina con il rimando a questo link: http://www.minimaetmoralia.it/wp/partecipare-al-premio-strega-significa-far-pubblicita-alla-toyota/, il cui testo riportiamo per intero qui sotto.
Con tutta probabilità questo testo è stato responsabile della decisione di Toyota non solo di non pubblicare i quattro racconti (su cinque richiesti)  ottenuti entro il 30 giugno 2017 ma anche di non ripetere l’esperienza della sponsorizzazione al Premio Strega.

Se partecipare al Premio Strega significa far pubblicità alla Toyota
di Matteo Nucci
(pubblicato su minimaetmoralia.it il 22 giugno 2017)

“Ma come, Matteo, non lo sai che ci sono regole d’ingaggio?” mi ha domandato uno degli altri quattro finalisti di questa edizione del Premio Strega, pochi giorni fa a Salerno, durante la prima delle presentazioni previste prima della serata finale. “Certo che lo so” gli ho risposto “ma fare pubblicità alla Toyota non era fra le regole d’ingaggio”.

Matteo Nucci

Chi partecipa al Premio Strega è bene che sappia una serie di cose. Si tratta del premio letterario più importante e complesso del nostro Paese e dunque conviene informarsi. Sono parecchie le questioni ma certo gli impegni da prendere nel caso in cui si entri fra i cinque  finalisti non vanno sottovalutati. Nessuno chiede a chi partecipa di firmare e promettere ufficialmente alcunché ma esiste un accordo implicito che del resto conviene a tutti quanti. Nelle settimane fra l’elezione della cinquina e la serata finale il Premio organizza una serie di incontri in tutta Italia. La cinquina viene presentata al pubblico e si parla dei rispettivi libri. Chi mai vorrebbe astenersi? Lo si può fare. È lecito ma certo sconveniente. Nei confronti di chi organizza il Premio, certo. Ma soprattutto nei confronti del proprio editore, del proprio libro e di se stessi. Perché se si partecipa a una gara lo si fa per vincere e per confrontarsi e per portare in giro il proprio libro.

Ma che c’entra la pubblicità? Francamente sono rimasto allibito quando l’ufficio stampa di Ponte alle Grazie, all’indomani della cinquina, mi ha inoltrato una mail della Fondazione Bellonci, in cui venivano illustrate le richieste di Toyota Motor per i cinque finalisti. Si tratta di un testo molto interessante, tipico esempio di marketing dei nostri tempi. In sostanza, si chiede ai cinque finalisti di scrivere un racconto fra le sei e le otto cartelle da consegnare entro il 30 giugno 2017. La narrazione deve essere “partecipata, ibrida, dinamica” per raccontare “una storia in movimento” ossia quel che di buono porta il movimento: conoscere persone, esplorare muovi luoghi, arricchire il proprio punto di vista, eccetera. Questi racconti saranno scaricabili online dai siti Toyota e Premio Strega, nonché pubblicati in un cartaceo stampato da Toyota per un “pubblico d’eccezione” (in realtà i quattro racconti non sono scaricabili né lo sono mai stati. E neppure, che ci risulti, sono stati pubblicati, evidente cambio freo di programma dopo la polemica, NdR). Non è finita qui. I cinque scrittori dovranno anche rendersi disponibili per uno shooting di circa quattro ore da cui verrà tratto un “video-pillola” di 90 secondi, “una sorta di diario di bordo dei singoli scrittori in tour a bordo di una Toyota Prius” (questo invece è stato realizzato, vedi la seconda parte di questo post, NdR).

Ho letto e riletto questa straordinaria mail. Nulla contro la lingua dei pubblicitari, ma che c’entra col Premio Strega? E perché io avrei dovuto partecipare a questo genere di operazione pubblicitaria? Se mi avessero chiesto, prima di iniziare la competizione letteraria, che questa sarebbe stata una delle “prove da superare”, avrei potuto pensarci, considerare le possibilità, magari avrei anche accettato, chissà, la storia non si fa con i se e con i ma. Fatto sta che non ne sapevo nulla, non avevo firmato nulla e certo non mi pareva in alcun modo edificante partecipare all’iniziativa. Così ho risposto immediatamente negando il mio consenso alla Fondazione. Subito ho ricevuto la mail della responsabile comunicazione di Toyota Motor in cui mi veniva spiegato sostanzialmente che: “Insieme stiamo lavorando ad un progetto di comunicazione, ad un racconto sull’essere umano come protagonista del movimento e del miglioramento continuo, temi in cui noi crediamo da sempre e che guidano ogni nostra attività. Non si tratta quindi di una campagna pubblicitaria ma di un racconto che sarei felice di descriverle nel dettaglio; vorrei anche condividere con lei la nostra visione e altri progetti…” Ho quindi risposto che la si poteva chiamare visione, progetto di comunicazione o pubblicità, per me cambiava poco nella sostanza, perché comunque non avrei aderito.

E qui è venuto il bello. Toyota ha diffuso ugualmente un comunicato in cui io comparivo tra i partecipanti. Il comunicato, tuttora in rete, è stato ripreso da molte testate e, benché io non abbia granché da difendere della mia immagine, mi sono veramente indignato. Ho scritto un post su facebook per smentire la mia partecipazione. Il post è stato ripreso da Il Libraio. Ero a Salerno a parlare del libro, appunto. E tutto sembrava a posto.

Evidentemente non mi riguarda e non deve riguardarmi quel che scelgono di fare gli altri finalisti. Dopo aver spiegato all’unico che mi interpellava che una cosa è far pubblicità a un marchio quale che sia e un’altra è andare in giro per l’Italia a presentare il libro, dopo aver aggiunto che le presentazioni erano in programma fin dal principio e la pubblicità no, me ne sono tornato a Roma. Qui ho scoperto, ieri, da un comunicato d’agenzia che “Il progetto Libro in movimento voluto dal premio Strega e Toyota andrà avanti malgrado la defezione di uno dei finalisti, Matteo Nucci, autore di È giusto obbedire alla notte (Ponte alle Grazie)”. Ad affermarlo è stessa casa automobilistica giapponese che sottolinea: “Andremo comunque avanti. Si tratta – spiega all’AdnKronos Patrizia Brunetti, responsabile comunicazione Corporate – di un progetto di comunicazione e non di una campagna pubblicitaria. Agli scrittori non abbiamo chiesto di essere dei testimonial, ma soltanto di raccontare la loro idea del movimento”. Ma se questo mi era già ben chiaro, non avevo previsto il geniale e sottile cambiamento di prospettiva. Prosegue l’agenzia: “C’è chi parlerà del movimento in termini spirituali o letterari – ipotizza Brunetti – chi descriverà il movimento come ‘viaggio’ per realizzare il proprio libro. In ogni caso non c’è alcun vincolo da parte degli scrittori”. Quanto infine all’uso di una Toyota Prius, auto pioniera della tecnologia ibrida, Brunetti precisa che potrebbe essere “un facilitatore del racconto. In realtà, non c’è alcun obbligo di usarla”.

Paolo Cognetti vince il Premio Strega 2017

Questa la storia. Sottolineo che usare “defezione” per il mio rifiuto di aderire è di per sé un errore piuttosto grossolano che dimostra l’arroganza di chi parla, certo che uno abbia già aderito poiché cooptato. Defezione si dà quando si abbandona un gruppo o si diserta o si viene meno alla parola data. Io, in questo caso, non sono mai stato dentro alcun gruppo se non alla cinquina del Premio Strega. Leggo ora su Libero addirittura che la mia defezione sarebbe “polemica”. Perché se in Italia si dice di no si è polemici. Se si mette in discussione una richiesta grottesca si è rompiscatole. Ma tanto per fare dell’esterofilia, così in voga da noi: ve lo immaginate il premio nazionale di qualsiasi altro Paese che all’indomani della definizione della sua shortlist dia per scontata la presenza dei finalisti in un progetto di questo genere? Un progetto di cui gli scrittori non erano stati messi a parte? Vi immaginate scrittori stranieri con cui non ho alcuna intenzione di paragonarmi a bordo di una macchina mentre scrivono il loro diario? Ve li immaginate mentre in una manciata di giorni si affannano per mettere insieme una decina di cartelle da consegnare gratis a uno sponsor, a una casa automobilistica? Ve lo immaginate? No. Impossibile.

Dicono che ce l’ho con Toyota o con la pubblicità o con le macchine. Non so nulla della filosofia Toyota, non possiedo automobili e certo preferirei che si usassero di meno ma quando posso le uso volentieri. Non mi frega nulla della pubblicità perché non possiedo un televisore dal 1994, ma se in un bar c’è un video con la pubblicità dei pannolini io resto incollato allo schermo come un idiota. Nulla contro nulla in assoluto. Ma posso, oggi, accettare di partecipare a una simile iniziativa?

Toyota Prius Plug in Hybrid (100 km con 1 litro, 50 km elettrica)

Scrivo i miei libri per chi voglia leggerli e non per un pubblico d’eccezione e se devo scegliere un pubblico d’eccezione voglio essere io a sceglierlo. Partecipo a premi letterari per vincerli, per far leggere i miei libri, per conquistarmi la posta in gioco. Ma cosa c’entra la visione del movimento targata Toyota o qualsiasi altra casa automobilistica? Cosa significa la distinzione fra comunicazione e pubblicità? E perché dovrei comunicare e condividere la visione del mondo di un marchio di cui ignoro tutto e la cui storia non ho intenzione di studiare? E per concludere, visto che ho sempre amato il Premio Strega, il più importante vitale emozionante premio letterario italiano: cosa si pensa di uno scrittore, pronto a scrivere in dodici giorni quello che chiede uno sponsor, su un tema che sta a cuore allo sponsor? È questa la nuova idea di letteratura a cui dobbiamo uniformarci?

Matteo Nucci
Matteo Nucci è nato a Roma nel 1970. Ha studiato il pensiero antico, ha pubblicato saggi su Empedocle, Socrate e Platone e una nuova edizione del Simposio platonico. Nel 2009 è uscito il suo primo romanzo, Sono comuni le cose degli amici (Ponte alle Grazie), finalista al Premio Strega, seguito nel 2011 da Il toro non sbaglia mai (Ponte alle Grazie), un romanzo-saggio sul mondo della moderna tauromachia: la corrida. Nel 2013 ha pubblicato il saggio narrativo Le lacrime degli eroi (Einaudi), un viaggio nel pianto che versano a viso aperto gli eroi omerici prima della condanna platonica. Nel 2017 è uscito il romanzo È giusto obbedire alla notte (Ponte alle Grazie). I suoi racconti sono apparsi in antologie e riviste (soprattutto Il Caffè Illustrato e Nuovi Argomenti) mentre gli articoli e i reportage di viaggi escono regolarmente su Il Venerdì di Repubblica.

Continua su http://www.gognablog.com/premio-strega-2017-2/, in uscita l’8 gennaio 2019

0
Premio Strega 2017 – 1 ultima modifica: 2019-01-07T04:33:40+01:00 da admin

2 pensieri su “Premio Strega 2017 – 1”

  1. 2
    paolo says:

    E di chi fra le fanfare ha vinto, cosa bisogna pensare?

    Leggerlo di sicuro è meglio non farlo?

  2. 1
    Francesco says:

    onore e gloria a chi sa dire no

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.