Salita con gli sci accanto alle piste

Ovunque sulle Alpi sono sempre più le persone che utilizzano le piste da sci per fare scialpinismo. Soltanto a Garmisch-Partenkirchen sono più di 25.000 ogni inverno. Quali sono le ragioni di questo mega-trend? Quand’è iniziato? Quali sono i pericoli, i conflitti e le soluzioni, e quali possibilità offre questa tendenza? Quali sono le leggi e le regole in vigore?

Salita con gli sci accanto alle piste
(lo scialpinismo sulle piste è ormai sport di tendenza)
di Manfred Scheuermann
(da Panorama, 1-2016)
Traduzione © Luca Calvi

La copertina dell’articolo originale in tedesco. Foto: Manfred Scheuermann
salita-accanto-piste0001-fotomanfredscheuermann

La situazione dal punto di vista legislativo
Grazie allo stretto dialogo tra DAV (Deutscher Alpenverein, il club alpino tedesco) e gestori delle piste, e grazie al buon comportamento tenuto dagli scialpinisti, in ogni area sciistica della Baviera è sempre presente un possibile itinerario di risalita. Per i dettagli sulla situazione legislativo vedi http://www.alpenverein.de/pistenskitouren.

salita-accanto-piste

Sport su piste ripide
Quello che gli scialpinisti fanno oggi è la stessa cosa che già facevano i loro predecessori innamorati degli sci: vanno in cerca del terreno migliore per farsi delle sciate. Prima però, salivano per lo più solo a piedi, mentre adesso ci sono gli ski-lift e gli impianti a fune, perché i gestori alla fin fine hanno fatto la stessa cosa, hanno cioè piazzato gli impianti lì dove il terreno per lo sci è il migliore.

In realtà, dietro alla tendenza del momento, c’è ben di più: praticare uno sport, tenersi in forma e respirare la frizzante aria dei monti; andare a sciare dove c’è buona neve e non c’è pericolo di valanghe, senza zaini pesanti e ski-pass costosi; non starsene a congelare appesi allo skilift e, invece, fare qualcosa per mantenere la condizione fisica; gustarsi qualche uscita, magari serale, con gli amici, appena usciti dall’ufficio.

Foto: Manfred Scheuermann
salita-accanto-piste0003-fotomanfredscheuermann

Per quale motivo proprio adesso si rileva il boom per questa tendenza? Le vendite per lo scialpinismo salgono ormai da anni con percentuali a due cifre e in Austria come anche in Germania si parla sempre più di circa mezzo milione di scialpinisti. Sembra ormai che una frazione ben precisa di questi sia assolutamente soddisfatta della variante addomesticata, così come parecchi scalatori con le arrampicate indoor. Se questi ultimi ormai possono fare a meno della roccia, i primi possono quasi fare a meno di aree sciistiche libere.

Le piste da sci per gli scialpinisti avevano sempre rappresentato una opzione per gli inizi dell’inverno. Quando finalmente arrivava la neve ma ancora non si poteva andare a salire nelle aree sciabili in mezzo alle rocce, le piste offrivano il terreno migliore (lo stesso che oggi spesso viene integrato con neve artificiale). Si facevano le prime serpentine e i primi salti lungo le piste. Poi, però, l’entrata in funzione degli impianti mise a questo la parola fine. Fino al 1995 nelle aree sciistiche aperte non si era visto nemmeno uno scialpinista e poi, tutto d’un tratto, hanno cominciato: nel 2000 erano già così tanti che nel 2001 il DAV sollevò la questione per la prima volta con il documento Sport di tendenza o guida contromano? – Gli scialpinisti alla riconquista del proprio terreno (Panorama, 1/2001). Nel 2003 la lotta tra sciatori “da pista” e scialpinisti ebbe una escalation per la questione del Königssee e un gruppo di esperti chiamato dal DAV arrivò a trovare alla fine soluzioni di tipo pragmatico, in quanto l’unica possibilità era la convivenza. Fu trovato un accordo sulle dieci “Regole del DAV per lo scialpinismo sulle piste” e sulla marcatura uniforme giallo-nera per le vie di risalita sulle piste. Ci fu inoltre bisogno di soluzioni individuali, localizzate, adattate per ciascuna area sciistica, trovate con un gran lavoro di cesello sui dettagli durante discussioni durate a volte per ore intere.

Nelle aree sciistiche aperte di recente posso godermi un allenamento efficace su piste sicure e ben battute che, oltretutto, grazie alla facile raggiungibilità mi risparmiano inutili distanze (Sepp Rottmoser, campione del mondo di scialpinismo, disciplina Sprint)“.
salita-accanto-piste0002

La tendenza andò sviluppandosi in tutte le Alpi e dato che il DAV aveva fatto da apripista, nei Paesi confinanti ci si orientò sul modello bavarese. Per esempio, nella vicina Svizzera nove delle dieci regole sono quasi identiche a quelle del DAV.

Oggi come oggi non si può più parlare in alcun modo di gente che va contromano quando si vedono decine e decine di scialpinisti che risalgono disciplinatamente le piste lungo i loro margini e da tempo ormai gli sciatori “da pista” si sono abituati alla loro presenza. Sono stati minuziosamente calcolati in circa 25.000 gli scialpinisti che frequentano durante l’inverno la classica area sciistica di Garmisch-Partenkirchen. Se si pensa al fatto che durante la stagione invernale questi vanno incontro a circa 500.000 sciatori “da pista”, ci si meraviglia del fatto che le tensioni rimangano contenute entro i limiti. Altri sono i problemi, dovrebbero essere conosciuti, così come ci dovrebbe essere il comportamento corretto di chi fa parte del consesso umano.

Un pericolo “iper-segnalato”? Le collisioni con chi scende
Questo pericolo d’incidente viene ancora costantemente segnalato, anche se per fortuna il suo verificarsi è estremamente limitato nella prassi, e al DAV non sono noti casi di gravi scontri avvenuti tra gente in salita e gente in discesa. Anche la polizia di montagna non ha informazioni relative a incidenti gravi, anche se comunque tutto ciò non vuole assolutamente dire che gli incidenti siano del tutto esclusi. Recentemente tutto ciò è diventato di pubblico dominio per via dello scontro mortale avvenuto tra una sciatrice e l’allora primo ministro della Turingia, Dieter Althaus. L’importante è che chi sale o scende segua soprattutto due regole: si sale solo al margine della pista in fila indiana e non appaiati (Regola DAV n. 2 e regola FIS n. 7); si scende a vista e ad una velocità adeguata (regola FIS n. 2). Qualora dovesse comunque aver luogo un qualche incidente in sede di dibattimento verrà certamente posta la domanda se le persone coinvolte si siano attenute o meno alle regole.

In seguito ai recenti sviluppi si è reso necessario riformulare la regola FIS n. 7 con una piccola variazione
salita-accanto-piste0005-disegnogeorgsojer

Un pericolo poco chiaro: le valanghe sulle piste da sci
Le piste sono sicure contro il pericolo delle valanghe, ma solo quando sono aperte per il funzionamento degli impianti. Cosa succede invece la notte, se nevica, se ci sono temporali o in caso di forte rialzo delle temperature? Le piste chiuse non sono al sicuro dalle valanghe! A questo va inoltre aggiunto il fatto che le valanghe nelle aree sciistiche si staccano non solo la notte, ma anche di giorno e vanno a interessare anche interi tratti delle piste da sci. Le piste, peraltro, sono chiuse anche nei periodi pre- e post-stagionali e per eventuali escursioni lungo le piste chiuse valgono in generale le stesse regole che si applicano alle aree alpine: è obbligatoria la valutazione sotto la propria responsabilità dei pericoli della montagna, in particolare del pericolo valanghe, come anche avere a disposizione l’attrezzatura di emergenza (dispositivi per l’individuazione sotto le valanghe, sonda, pala) e saperla utilizzare.

salita-accanto-piste0004

Va fatto inoltre notare che spesso le piste sono chiuse “in alto”, mentre gli scialpinisti salgono dal basso. In caso di dubbio, informarsi (pagine web delle aree sciistiche). Quando gli itinerari di risalita portano per qualche tratto o completamente su terreno alpino al di fuori delle piste valgono sempre le regole già citate dello scialpinismo. Non c’è sicurezza dalle valanghe nemmeno in caso di “deviazioni” più o meno pianificate verso una qualche cima panoramica o in caso di discesa in freeride verso la valletta vicina.

Il pericolo sottovalutato – La battitura delle piste con paranco e cavo.
La tecnica con il paranco a cavo metallico viene applicata sulla maggioranza delle piste. Al gatto delle nevi viene applicato un paranco sul quale viene montato un cavo metallico grosso come un dito e lungo qualche centinaio di metri, alla cui fine viene attaccata una barra metallica. Il cavo viene poi fissato al margine superiore della pista. Il gatto delle nevi scende lungo la pista per poi risalire grazie all’avvolgimento del cavo. Il gatto delle nevi si muove fino ad un chilometro di distanza dall’ancoraggio, spesso al di fuori della portata visiva o della voce. Gatto delle nevi e barra si muovono quindi con una notevole dinamica a destra e a sinistra e il cavo d’acciaio è sempre in forte tensione e passa veloce come un fulmine a destra e sinistra, a volte a pelo della neve, altre volte anche sotto il manto nevoso, altre volte ancora anche a 10 o venti metri da terra. Questa attività, che nelle aree sciistiche ha luogo ogni sera, soprattutto col buio, è imprevedibile per le persone ed estremamente pericolosa. C’è gente che, magari perché è del posto, pensa di poter valutare il rischio, ma si sbaglia di brutto. Purtroppo ci sono già stati incidenti gravi, addirittura mortali e la soluzione è semplice: chi ha voglia di sopravvivere deve evitare le piste chiuse per battitura.

Non solo vedo la presenza degli scialpinisti sulle piste in modo positivo, anzi, penso che gli stessi andranno a diventare una parte essenziale degli sport invernali. Sarà compito del DAV collaborare affinché regole e divieti durante la battitura delle piste siano attentamente rispettati (Beppo Maltan, presidente della sezione di Berchtesgaden del DAV e membro del consiglio del DAV centrale)”.
salita-accanto-piste0006

E’ scorretto scendere su piste appena battute
E’ davvero necessario andare a distruggere in pochi minuti il lavoro di alcune ore di chi guida il gatto delle nevi? Per farlo bastano tre sciatori che vadano a fresarsi per benino e con goduria la pista appena battuta. Particolarmente bastardo è in primavera, quando la neve è molle e le tracce della discesa con la gelata notturna diventano scanalature di ghiaccio pronte a disturbare la discesa degli sciatori la mattina successiva. Se qualcuno proprio vuole scendere dalle piste da sci dopo la battitura (mai comunque durante la stessa, vedi sopra) è pregato di farlo scendendo correttamente ai bordi delle stesse.

Insaccati a lunga conservazione: i cani sulle piste
I proprietari di cani che portano con sé le bestiole sulle piste da sci all’interno delle aree sciistiche gestite contravvengono chiaramente alle regole, perché questo non è consentito, con o senza guinzaglio che sia. Chi non volesse capirlo per questioni di correttezza, farebbe bene a ricordarsi che in caso di incidente dovuto ad un cane che gira libero senza controllo a risponderne sarà il proprietario del cane stesso.

salita-accanto-piste0007Un altro problema: le feci dei cani sporcano la neve, tirarle via dal profilo degli scarponi da sci è una cosa piuttosto difficile e, se per caso il cane va a consegnare il carico vicino al parcheggio proprio là dove d’estate vanno a pascolare le mucche, queste correranno il rischio di ingurgitare, assieme alla cacca dei cani, anche parecchi parassiti che possono portare a malformazioni dei vitellini o addirittura ad aborti. Quindi se per caso vi dovete proprio portar dietro il cane e questo deve fare il bisognino (chiaramente al di fuori delle aree gestite), beh, per cortesia, raccogliete il tutto e infilatelo nel sacchettino.

La potenzialità della varietà
Sono sempre più le regioni turistiche che riconoscono l’esistenza di alcune potenzialità positive legate allo “scialpinismo sulle piste”. Per esempio, chi passa un periodo di vacanze invernali nella località alpina di Ramsau può scegliere tra sci da pista, scialpinismo in alta montagna o itinerari di scialpinismo in una delle aree sciistiche vicine che offrono itinerari scelti a tale scopo. Il numero delle persone che si divertono a percorrerli è in costante aumento, perché indipendentemente dal tempo e dalle condizioni della neve, ogni giorno c’è la possibilità di far qualcosa. I gestori di skilift e impianti a fune fanno ricorso ad una ingegnosità in continua crescita. Sono sorti parcheggi per scialpinisti, itinerari di risalita segnalati, con la collaborazione parziale degli sponsor, itinerari didattici per imparare a fare scialpinismo e ovviamente le tanto amate escursioni notturne. Solo nelle Alpi Bavaresi in circa 25 aree sciistiche ci sono i rifugi delle stazioni alpine aperti la sera in precisi giorni della settimana e in pratica in ogni area si trova ogni giorno una qualche offerta. Chi pensa che si tratti solo di una questione di fitness dovrebbe andare a guardare e a fiutare un gruppo di giovani scialpiniste, che emanano profumi invece di scie di sudore e il cui look si lascia guardare con piacere. Le piste fungono anche da habitat naturale non solo per i fagiani di monte e le serate scialpinistiche aiutano anche in questo senso, perché permettono di concentrare il traffico notturno su alcune piste garantendo così la pace per gli animali nella maggior parte delle aree montane.

E’ un bene che ci siano gite scialpinistiche notturne, perché in questo modo le attività si concentrano. Una gestione delle attività notturne senza guida sarebbe un grosso problema per gli animali, in particolare per i galli cedroni (Michelle Müssig, responsabile per la tutela della natura del DAV di Stoccarda, istruttrice di alpinismo e di scialpinismo)”.
salita-accanto-piste0009

“Gli scialpinisti, in fila indiana a bordo pista o su tracce predisposte espressamente per loro, sono utenti benvenuti dello spazio comune anche nelle aree degli skilift”. Foto: Manfred Scheuermann
salita-accanto-piste0008

Intervista con Peter Schöttl
“Il cammino verso il futuro: localistico, pragmatico, volto alla soluzione dei problemi”

Quali sono i problemi e i conflitti che lei vede nello scialpinismo praticato sulle piste?
In buona sostanza i problemi ed i conflitti si sono presentati solo al momento in cui c’è stato il boom di questo tipo di sport e solo e semplicemente per l’alto numero degli scialpinisti. Lo scialpinismo, peraltro, è potuto diventare così popolare solo grazie al fatto che non veniva più praticato solo su terreno libero, ma su piste battute, segnalate e messe in sicurezza rispetto ai rischi della montagna. Anche lo scialpinismo sarebbe impossibile da praticare senza l’innevamento. Il tutto è quindi possibile grazie ad infrastrutture predisposte e finanziate nei loro costi elevati da parte delle aziende funiviarie e degli sciatori da pista.

Peter Schottl (56 anni) è Presidente della Nebelhornbahn ed è membro del CdA della Wendelsteinbahn. Da ottobre 2015 è Presidente della Associazione Tedesca degli Impianti Funiviari
salita-accanto-piste0010

Durante la gestione degli impianti: conflitti con gli sciatori in discesa, gravi rischi per la sicurezza a causa del traffico di senso contrario e dei traversi degli scialpinisti.

Durante la battitura: I lavori vengono resi più difficili e talvolta addirittura impediti. Pericolo di morte durante il funzionamento degli argani per la battitura. Battitura fresca rovinata dagli scialpinisti in discesa.

Dal suo punto di vista quali sono le possibili soluzioni?
Informarsi su regole e divieti a livello locale e accettarli come avviene anche per le regole del DAV. Accettarle in modo incondizionato. Fare appello al fatto che gli scialpinisti hanno sempre frequentato la tal montagna o al fatto che le piste un tempo erano parte di una natura incontaminata è un qualcosa che non ci porta avanti verso la soluzione dei problemi. In tutte le aree sciistiche sono presenti possibilità di risalita per gli scialpinisti e giusto en passant faccio notare che il 99% delle superfici montane della Baviera non sono superfici utilizzate come piste da sci e quindi sono “vere” aree per lo scialpinismo.

Quale potenziale intravede lei in questa tendenza?
Portare le persone sulla neve e farle appassionare agli sport invernali.

salita-accanto-piste0011

Lei cosa vorrebbe dagli scialpinisti e cosa invece dal DAV?
Il rispetto e l’accettazione dei regolamenti, dei divieti e delle vie di risalita segnate a livello locale. Rispetto e comprensione per il lavoro degli operatori sui gatti delle nevi che lavorano per ore al fine di avere piste perfette che UN SOLO scialpinista in discesa può rovinare nel giro di pochi minuti. Rispetto e comprensione per le opinioni dei gestori degli impianti a fune, che si addossano la responsabilità per il rischio e mettono a disposizione le infrastrutture a proprie spese. Vorrei ringraziare in modo esplicito il DAV e le sue sezioni per l’impegno a cercare in prima persona soluzioni individuali per ogni singola area. Questo è il cammino verso il futuro: localistico, pragmatico e volto alla soluzione dei problemi.

Cosa fanno i gestori degli impianti di risalita per gli scialpinisti?
Uscite notturne organizzate per scialpinisti, con battitura delle piste spostata in avanti negli orari. Marcatura, battitura e a volte anche innevamento per gli itinerari destinati alla risalita. Messa a disposizione, a titolo gratuito, di tutte le infrastrutture, più parcheggi, toilette e simili.

salita-accanto-piste-skitouren-auf-pisten-4dav-manfred-scheuermann

6
Salita con gli sci accanto alle piste ultima modifica: 2016-12-29T05:14:55+01:00 da GognaBlog

26 pensieri su “Salita con gli sci accanto alle piste”

  1. 26
    alessandrogogna says:

    Paolo Scoz riferisce che la PAT (Provincia Autonoma di Trento) ha competenza primaria sulla materia e ha legiferato differentemente che nel resto d’Italia, come si può vedere dall’estratto di norme sull’argomento riportato qui sotto. E’ ovvio e buon senso che risalendo si rimanga fuori dei paletti (se ci sono) ma è lecito risalire sul bordo in assenza di segnalazioni di divieto.

    Decreto del Presidente della Giunta Provinciale 22 settembre 1987, n. 11-51/Legisl.
    Emanazione del regolamento per l’esecuzione della legge provinciale 21 aprile 1987, n. 7 (vedi http://www.consiglio.provincia.tn.it/leggi-e-archivi/codice-provinciale/archivio/Pages/Legge%20provinciale%2021%20aprile%201987,%20n.%207_751.aspx?zid=fbf22cca-de68-40e2-b88a-cf487a03d304#2005-11-15-16-55-44) concernente Disciplina delle linee funiviarie in servizio pubblico e delle piste da sci
    (b.u. 17 novembre 1987, n. 51, suppl. ord. n. 1)

    Estratto:
    Art. 30 ter
    Comportamento dello sciatore
    g) transito e risalita:
    1) è vietato percorrere a piedi le piste da sci. In occasione di gare è vietato ai non partecipanti sorpassare i limiti segnalati, sostare sulla pista di gara o percorrerla;
    2) la risalita della pista con gli sci ai piedi è vietata sulle piste da sci o tratti delle stesse che espongano espressamente il divieto con idonea segnaletica;
    3) ove non vietata, la risalita deve comunque avvenire ai bordi della pista, avendo cura di evitare rischi per la sicurezza degli sciatori e rispettando le prescrizioni di legge nonché quelle adottate dal gestore dell’area sciabile attrezzata;
    4) in assenza di previo assenso del titolare dell’autorizzazione all’esercizio dei tracciati sciistici, allo sciatore è vietato utilizzare le piste da sci al di fuori dell’orario di apertura al pubblico delle piste stesse. L’eventuale assenso è segnalato da apposita segnaletica.

  2. 25
    sergio says:

    che oltre il trentino ci sia il mondo mi pare un commento costruttivo al pari di quello di calcagnolibero…che il resto del mondo sia più grande in tutti i sensi anche ma in tema di sci e di risalita sulle piste non mi pare cosi insignificante…non dico migliore beninteso…o si parlava d’altro?
    se poi vuoi avere l’ultima parola su tutto o moderare il blog allora ok…

  3. 24

    Oltre al Trentino c’é il mondo. E è più grande, in tutti i sensi.

  4. 23
    sergio says:

    Ha ragione Scoz…il decreto è stato aggiornato e dal 16 dicembre vale questo:

    g) transito e risalita:

    1) è vietato percorrere a piedi le piste da sci. In occasione di gare è vietato ai non partecipanti sorpassare i limiti segnalati, sostare sulla pista di gara o percorrerla;

    2) la risalita della pista con gli sci ai piedi è vietata sulle piste da sci o tratti delle stesse che espongano espressamente il divieto con idonea segnaletica;

    3) ove non vietata, la risalita deve comunque avvenire ai bordi della pista, avendo cura di evitare rischi per la sicurezza degli sciatori e rispettando le prescrizioni di legge nonché quelle adottate dal gestore dell’area sciabile attrezzata;

    4) in assenza di previo assenso del titolare dell’autorizzazione all’esercizio dei tracciati sciistici, allo sciatore è vietato utilizzare le piste da sci al di fuori dell’orario di apertura al pubblico delle piste stesse. L’eventuale assenso è segnalato da apposita segnaletica;

    ecco il link: http://www.consiglio.provincia.tn.it/leggi-e-archivi/codice-provinciale/archivio/Pages/Decreto%20del%20presidente%20della%20giunta%20provinciale%2022%20settembre%201987,%20n.%2011-51Legisl_1452.aspx?zid=d4d748a8-5e1a-4087-aab5-585f782d53be

    N.B. le province di TN e BZ in materia hanno competenza primaria e pertanto le loro leggi (se non impugnate dallo stato) hanno preminenza…

  5. 22
    paolo scoz says:

    per cortesia andatevi a leggere l’Art. 30 ter del:

    Decreto del presidente della giunta provinciale 22 settembre 1987, n. 11-51/Leg.

    Regolamento per l’esecuzione della legge provinciale 21 aprile 1987, n. 7

    nel Trentino vale questo in quanto il Trentino ha comptenza primaria sulla materia in questione!!!

  6. 21
    sergio says:

    quanta ignoranza…fra professionisti e appassionati bisognerebbe anche informarsi, si dice così no?
    in Trentino sulle piste ad oggi vale quanto stabilito:
    LEGGE PROVINCIALE 31 ottobre 2012, n. 22
    Modificazioni della legge provinciale 23 agosto 1993, n. 20, concernente
    “Ordinamento della professione di guida alpina, di accompagnatore di territorio e di
    maestro di sci nella provincia di Trento e modifiche alla legge provinciale 21 aprile
    1987, n. 7 (Disciplina delle linee funiviarie in servizio pubblico e delle piste da sci)”,
    della legge provinciale sugli impianti a fune e della legge provinciale sui rifugi e sui
    sentieri alpini
    (b.u. 6 novembre 2012, n. 45)

    ed in particolare:

    Art. 25
    Inserimento dell’articolo 48 ter nella legge provinciale sugli impianti a fune
    1. Dopo l’articolo 48 bis della legge provinciale sugli impianti a fune è inserito il
    seguente:
    “Art. 48 ter
    Pratica dello sci-alpinismo sulle piste da sci
    1. La risalita della pista con gli sci ai piedi è normalmente vietata. Al fine di favorire la
    pratica sportiva, è consentita la risalita delle piste da sci a bordo pista con attrezzatura da scialpinismo
    nei casi e alle condizioni stabilite dal regolamento di esecuzione, da adottare entro
    sessanta giorni dalla data di entrata in vigore di questo articolo.”

    il regolamento non mi risulta ancora emanato malgrado alcuni ordini del giorno in tal senso per cui, in generale, NON si possono risalire piste…

  7. 20

    in effetti credo che il vero pericolo lo corra lo “sci alpinista “che sale poiché in caso di collisione avrebbe la peggio …
    comunque salire le piste e’ davvero alienante..opss volevo dire allenante. Scio in pista e faccio skialp per dovere!! le 20 gite all’anno mi toccano per colpa degli amici rompic… che mi telefonano .Ma salire in pista no! Va benissimo per i garisti ,ma soddisfazione ben poca. Lo chiamerei “skiramp” tutina cronometro serie di borraccie appese casco anche in salita(bho) ..però ripeto il rischio e’ presente e possibile. Poi non capisco a Cervinia mille salgono a plateau rosa e 2 al Furghen ..ma perché? Anche quella e’ una pista …desueta ma lo e’ stesso dislivello e nessun rischio di incidenti dovuti a chi scende .Valanghe mai viste…Si puo’ poi salire a plateau passando dalla gorgia del golliet e canale del teodulo nessun rischio ..e invece no tutti sul ventina. Le piste sono gestite da società che investono denaro per renderle sicure e secondo me lo skiramp dovrebbe pagare una quota in questo modo il gestore batte una traccia apposita e tutti sono felici e contenti.

  8. 19

    Calcagnolibero, scusami tanto, ma i commenti come il tuo sono inutili

  9. 18
    calcagnolibero says:

    Articolo molto interessante. Chi lo giudica troppo lungo e non é riuscito a leggerlo tutto ha dei problemi di concentrazione.

  10. 17

    Riporto dalla legge trentina qui citata:
    “3) ove non vietata, la risalita deve comunque avvenire ai bordi della pista, avendo cura di evitare rischi per la sicurezza degli sciatori e rispettando le prescrizioni di legge nonché quelle adottate dal gestore dell’area sciabile attrezzata;”
    Mi sembra che la risalita sia vietata perché le “prescrizione di legge” la vietano. Infatti se provi a risalire una pista a Canazei, tanto per fare un esempio, ti fermano e ti multano. In vista della SellaRonda Ski Marathon si chiude un occhio, ma non è la norma.
    Siccome il Trentino fa parte della regione Trentino-Altoadige/Suedtirol, che è una regione italiana, credo che una legge nazionale abbia valenza prima di una provinciale.
    Concludo: risalire con le pelli una pista del SellaRonda è più pericoloso che fare una gita scialpinistica su un ghiacciaio con rischio 4. Provare per credere.

  11. 16
    Werner Koch says:

    Salita con gli sci accanto alle piste cerca da Innsbruck:
    https://indd.adobe.com/view/7ae8925d-b6c6-4599-9d11-db744824edf7
    Da http://www.contourskins.com

  12. 15
    Giampiero ASSANDRI says:

    In Piemonte vige la Legge regionale 26 gennaio 2009, n. 2.
    “Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport invernali da discesa e da fondo in attuazione della normativa nazionale vigente ed interventi a sostegno della garanzia delle condizioni di sicurezza sulle aree sciabili, dell’impiantistica di risalita e dell’offerta turistica.”
    E’ una legge che ha subito vari aggiornamenti ed è molto rigida: praticamente senza un permesso specifico del gestore non è mai ammesso percorrere le piste con alcun mezzo né a piedi (qualche dubbio interpretativo riguarda il fatto che tale divieto si applichi anche durante il periodo di chiusura stagionale degli impianti). Di fatto qualche gestore non si accanisce e tollera il passaggio, specialmente se le piste sono battute ma gli impianti chiusi per qualche motivo. La sanzione applicata è un terzo del massimo (240 Euro è il max., quindi 80 €.)

  13. 14
    Riccardo corbini says:

    Beh, leggendo questo articolo mi rendo conto che siamo un “pochino” indietro riguardo alla preparazione di itinerari dedicati, anche se credo stiano aumentando sempre di più.
    Al di là di tutto credo sia un fenomeno da tenere in considerazione.

    @alberto benassi.. Chiaramene non si tratta di Scialpinismo in senso proprio, ma basta trovargli un altro nome 😀.

    Riguardo la battitura con verricelli: una volta – al mattino presto – mi ci sono trovato per sbaglio c’è ho avuto veramente paura (e credo anche il gattista).

    Domanda per i trentini: quindi essendo la vostra legge provinciale (bene o male) più permissiva, anche se molto antecedente la legge nazionale (2003), rimane valida? È molto utile saperlo!

  14. 13
    luciano PELLEGRINI says:

    Nella legge citata, l’articolo 15 (Transito e risalita), così stabilisce:
    1. È vietato percorrere a piedi le piste da sci, salvo i casi di urgente necessità.
    2. Chi discende la pista senza sci deve tenersi ai bordi delle piste, rispettando quanto previsto all’articolo 16, comma 3.
    3. In occasione di gare è vietato agli estranei sorpassare i limiti segnalati, sostare sulla pista di gara o percorrerla.
    4. La risalita della pista con gli sci ai piedi è normalmente vietata. Essa è ammessa previa autorizzazione del gestore dell’area sciabile attrezzata o, in mancanza di tale autorizzazione, in casi di urgente necessità, e deve comunque avvenire ai bordi della pista, avendo cura di evitare rischi per la sicurezza degli sciatori e rispettando le prescrizioni di cui alla presente legge, nonché quelle adottate dal gestore dell’area sciabile attrezzata.
    Però a livello locale, regionale, ci possono essere altri articoli. Il buon senso, la collaborazione, l’educazione, potrebbero risolvere le discussioni fra le forze dell’ordine, che fanno il controllo sulle piste, e gli sciatori che le risalgono. Gli appassionati di questo sport, procedono in fila indiana, a bordo pista, in qualsiasi momento, se si dovesse creare un pericolo, non per loro colpa, sono capaci di evitarlo. La pista battuta è una scelta per guadagnare tempo e viene usata per brevi tratti, perché all’arrivo degli impianti, si avanza con le proprie gambe. Siamo rispettosi dell’ambiente, non siamo “caciaroni”, non diamo fastidio. Speriamo che alla prima nevicata, chiedendo il permesso al gestore, ci venga accordato, altrimenti, ci arrangeremo.

  15. 12
    paolo scoz says:

    Faccio cortesemente presente che nella Provincia Autonoma di Trento si è legiferato sul tema in modo diverso (e più intelligente) della legge nazionale!
    In sostanza la risalita al bordo pista è lecita salvo espresso divieto del gestore.
    Riporto l’estratto normativo:
    E S T R A T T O N O R M A T I V O

    Legge provinciale 21 aprile 1987, n. 7 (1)
    Disciplina delle linee funiviarie in servizio pubblico e delle piste da sci
    ……………………………………………………………………………….
    DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 22 settembre 1987, n. 11-51/Legisl.
    Emanazione del regolamento per l’esecuzione della legge provinciale 21 aprile 1987, n. 7 concernente “Disciplina delle linee funiviarie in servizio pubblico e delle piste da sci”
    (b.u. 17 novembre 1987, n. 51, suppl. ord. n. 1)
    ………………………………………………………………………………………
    Art. 30 ter
    Comportamento dello sciatore
    …………………………………………………………………………………………
    g) transito e risalita:
    1) è vietato percorrere a piedi le piste da sci. In occasione di gare è vietato ai non partecipanti sorpassare i limiti segnalati, sostare sulla pista di gara o percorrerla;
    2) la risalita della pista con gli sci ai piedi è vietata sulle piste da sci o tratti delle stesse che espongano espressamente il divieto con idonea segnaletica;
    3) ove non vietata, la risalita deve comunque avvenire ai bordi della pista, avendo cura di evitare rischi per la sicurezza degli sciatori e rispettando le prescrizioni di legge nonché quelle adottate dal gestore dell’area sciabile attrezzata;
    4) in assenza di previo assenso del titolare dell’autorizzazione all’esercizio dei tracciati sciistici, allo sciatore è vietato utilizzare le piste da sci al di fuori dell’orario di apertura al pubblico delle piste stesse. L’eventuale assenso è segnalato da apposita segnaletica;
    ………………………………………………………………………………..

  16. 11
    Alberto Benassi says:

    “ecco stiamo qui a spendere tempo e parole per entrare nel merito dei significati… che arrampicata è quella indoor? se salgo al colle del Teodulo o al plateau Rosa dalle piste in 1 ora da Cervinia, per il gusto di fare una bella fatica, a te cosa te ne frega? faccio sci alpinismo o faccio pippa alpinismo? sto facendo quello che mi pare in un posto che mi piace e magari osservando qualche bel culo che scende e mi sorride.”

    a me un me ne frega una pippa. Contento te, contenti tutti.
    Semplimente ho detto che non mi sembra il caso di parlare di scialpinismo.
    Non lo posso dire?
    Non mi sembra che dicendolo manchi di rispetto a qualcuno. Non sto facendo una classifica.

    l’arrampicata indoor è arrampicata sulla plastica per quanto mi riguarda spesso e volentieri noiosa. Ma ogni tanto la pratico.

    Quanto ai bei culi. Oltre che a sorridere, spesso e volentieri scorreggiano. Anche quelli femminili.

  17. 10
    Antoine says:

    Non sempre si può fare il gitone in ambiente ed il giretto alla sera con le pelli in pista è un modo per allenarsi al dislivello. In merito ai verricelli sulle macchine da battitura confermo la pericolosità. Possono decapitare , mutilare, uccidere. Servono a battere muri ripidi senza scavare la neve perchè peso e trazione della macchina sono aiutati. Di norma l’ancoraggio è a monte prima del cambio di pendenza.
    Rispetto al problema del rovinare il lavoro di battitura il concetto è semplice: segnare il passaggio di una sola macchina vicino ai margini. Se una pista è larga 6 macchine e si segna tutta è un casino rifarla. Far eventualmente ripassare una sola macchina crea molti meno problemi.
    Da ultimo segnalo che a Cervinia c’è più di un percorso di risalita dedicato a scialpinisti e ciaspolatori a lato delle piste e battuto.

  18. 9

    ecco stiamo qui a spendere tempo e parole per entrare nel merito dei significati… che arrampicata è quella indoor? se salgo al colle del Teodulo o al plateau Rosa dalle piste in 1 ora da Cervinia, per il gusto di fare una bella fatica, a te cosa te ne frega? faccio sci alpinismo o faccio pippa alpinismo? sto facendo quello che mi pare in un posto che mi piace e magari osservando qualche bel culo (femminile, s’intende!) che scende e mi sorride.

  19. 8
    Alberto Benassi says:

    Premesso che non sono uno scialpinista quindi sicuramente non ci capisco nulla.
    Premesso che ognuno è libero di fare la propria attività come gli pare.
    Ma sinceramente…che scialpinismo è quello su una pista battuta ??
    Mi va bene che si parli di un’attività di allenamento, per mantenere o migliorare la propria forma anche quando c’è poco tempo o quando le condizioni nevose non lo permettono.
    Ma definirlo scialpinismo mi sembra veramente un minchiata per non dire un falso.

  20. 7

    buono a sapersi Gian Lorenzo. e Padola è un gran bel posticino!

  21. 6
    Gian Lorenzo Zandonella says:

    A Padola Comelico Superiore ( BL ) Veneto……. nel comprensorio sciistico 3 ZINNEN Dolomites , esiste una pista di risalita , delimitata da paletti e fune dedicata ai sci alpinisti …….

  22. 5

    libertà! basta giudicare gli altri in base ai propri gusti. io mi voglio allenare salendo una pista come cazzo mi pare? lo faccio! e a fanculo gli amanti del 9C in sci alpinismo.

  23. 4
    Fabio Bertoncelli says:

    Quando ho incominciato a salire le montagne, credevo che ci si andasse, tra le altre cose, per godere della solitudine. Mai avrei pensato a uno scialpinista che risale le piste mentre accanto sfrecciano sciatori pistaioli. Lo scialpinismo per me era e rimane un’avventura e un piacere nella montagna integra. E cosí pure l’alpinismo. E cosí le escursioni.
    Come sono cambiati i tempi!

  24. 3
    Beppe says:

    Come sempre in medio stat virtus. Trovo comunque Lo sci alpinismo in pista un attività di ripiego causata da fattori diversi: poco tempo a disposizione, allerta valanghe alto, o similari oppure allenamento programmato del ‘fanatico del grammo’ che in realtà non sta facendo sci alpinismo ma usa attrezzi dediti allo sci alpinismo. Mi fa sorridere invece il temuto infestare da parte dei cani per le vacche in periodo estivo . Visione antropocentrica del creato

  25. 2
    F.SKI says:

    Quando (raramente) mi capita di sciare in pista resto allibito di come si sottovaluti il rischio di avere tavole da snowboard sulle stesse piste degli sciatori. Gente che si sdraia e si siede costantemente in mezzo alle piste faccia a valle, gente che tenta continui salti ai bordi delle piste con riatterraggio a parabola in pista, cumuli di neve creati da chi scende tutta la pista con la tavola in orizzontale. Basterebbe separare le piste ma loro spendono i soldi, quindi si chiudono tutti e due gli occhi e pure le orecchie. Però uno scialpinista a bordo pista che risale piano, faccia a monte, che occupa 30 cm di spazio, crea scandalo e risentimento. Siamo in Italia, lui non spende (o comunque spende molto meno) , perché tollerarlo?

  26. 1

    a mio avviso articolo troppo lungo. non l’ho letto tutto. il limite è l’intelligenza di chi sale e di chi scende. tutto il resto è rottura di coglioni… l’Italy come sempre eccede nelle regole del caxo, che alla fine non regolano una beata. ciao bella gente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.