Ueli

Ueli
di Emilio Previtali
(pubblicato su http://emilioprevitali.blogspot.com/2017/05/ueli-steck-che-se-ne-va.html il 1 maggio 2017)

Lettura: spessore-weight(2), impegno-effort(1), disimpegno-entertainment(2)

E’ una gioia testimoniare il genio di un fuoriclasse quando questo si rivela. Un fuoriclasse mette tutti d’accordo perché gioca a un livello così alto, fa un uso dello spazio e del tempo così differente dal tuo, si muove in un ordine di grandezze così grande che può sperimentare cose che tu non sei in grado nemmeno di vedere e che senza di lui, tu, non potresti nemmeno immaginare. 

Se sei fortunato, se lui il fuoriclasse ti fa il regalo di spiegarsi e di raccontare, di aprirsi e di condividere, ti può portare con sé. Può farti partecipe del suo talento e mostrarti un altro universo, una realtà parallela in cui le cose succedono secondo logiche diverse, in modo diverso, a te non resta che rimanere in silenzio ed ascoltare. Provare a capire. Provare a fare come lui, nel tuo piccolo e la cosa straordinaria è che quasi sempre funziona, serve allenarsi e crederci. Mettersi in gioco. 

Il 16 novembre 2015 Ueli Steck ha abbassato a 2h 22′ 50″ il record di salita della parete nord dell’Eiger

La conquista dei fuoriclasse per noi è mostrarci la via, in fondo il fascino del grande alpinismo è proprio questo: la meraviglia. I fuoriclasse tutto quello che fanno è smontare la parola impossibile in tanti pezzetti più piccoli, in tanti piccoli possibile da mettere insieme, forse è questo in alpinismo il vero e unico significato della parola conquista: andare oltre e prendere, portare indietro a beneficio degli altri. E’ un passaggio di consegne. 

Raccontare e condividere costa fatica e certe volte richiede coraggio ma è uno sforzo necessario per progredire e per dare un senso a tutti quei rischi che hai corso e a quell’essersi sentito insignificante e minuscolo a un certo punto, “più morto che vivo, in quello spazio invisibile tra la terra e il cielo”. E’ così che l’aveva descritto ed è così che al ritorno ci ha detto di essersi sentito alcune volte, Ueli Steck.

Dobbiamo dirgli grazie per tutto quello che ci ha mostrato e per tutto quello che ci ha detto. Per l’esempio. Per avere avuto voglia di portarci con lui. Per il suo essere così indiscutibilmente migliore di noi e per averci tenuto lo stesso vicini, con lui, mostrandoci la via e raccontandoci anche quello che era perfino difficile credere. E’ un vero peccato che sia finita qui, oggi. E’ un peccato per lui e anche per noi. 

Quando succede che un fuoriclasse dell’alpinismo se ne va ad andarsene c’è anche un pezzo di noi, succede perché sono talenti così grandi che noi ci sentiamo loro. Noi “siamo” loro, nel nostro piccolo, comprendiamo di poter essere un’altra cosa. E’ per questo che sapere che Ueli non c’è più adesso ci fa così male: perché oggi è morto anche anche qualcosa di noi. Oggi insieme ad Ueli se ne è andato un pezzo di alpinismo, che è stato e che poteva essere. 

Grazie di tutto, Maestro.

 

11
Ueli ultima modifica: 2019-01-05T05:14:41+00:00 da GognaBlog

4 pensieri su “Ueli”

  1. 4
    Antonio Arioti says:

    Scusa Lorenzo ma non riesci a scrivere in maniera più semplice?

  2. 3
    lorenzo merlo says:

    Bello. Bravo Emilio.

    L’empatia come processo di conoscenza dovrebbe far parte dei programmi scolastici.

    L’ascolto come riconoscimento del prossimo e di sé, anche.

    Ma tutto ciò se da una parte allarga lo spettro delle potenzialità umane, ne marca – sebbene in modo apparentemenete più nobile – la sua arroganza.

    Quella dignità conferita a qualcuno di nostra scelta ed esigenza, conferma il tratto narciso e antropocentrico con il quale noi e la nostra cultura guardano il prossimo e il mondo. Come se fosse un oggetto maneggiabile. Come non avessero consapevolezza che la realtà è invece nella relazione. (Danni dello scientismo).

    Allora, se prendere coscienza che conferire tutta la dignità del caso a uno e non ad altro è un imperdonabile atto di pretesa superiorità, è anche affacciarsi oltre il limite di quelle potenzialità e scoprire in che termini siamo arroganti, nonostante le nostre più nobili intenzioni.

    Diverso sarebbe se fossimo idonei a sostituire Ueli con Terra.

    Allora non parleresti più a favore dell’eliski.

    Perché anche le montagne sarebbero maestre.

  3. 2
    paolo says:

    Di solito devono passare tanti anni affinchè vengano compresi gli uomini che riescono a realizzare qualcosa di nuovo.

    Ueli è andato molto oltre la comprensione possibile ai nostri tempi.

  4. 1
    Simone villa says:

    Bel articolo ,condivido

    Il senso del limite esiste per essere superato e persone come Ueli ci aiutano a capire che duro lavoro , passione e talento ci permettono di proghedire , sempre, ed aprire scenari inaspettati,  nuovi .

    Simone

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.